Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Giornalisti. Nel 2016 sono 412 i casi di intimidazioni, minacce e gravi abusi

Cronache Italia

Giornalisti. Nel 2016 sono 412 i casi di intimidazioni, minacce e gravi abusi

giornali webdi Vincenzo Frenda
Nel 2016 sono 93 i giornalisti e gli operatori dei media rimasti uccisi per motivi legati al proprio lavoro. Lo dice la Fédération internationale des journalistes che ha messo in fila i numeri disponibili fino ad oggi. Dati che rimangono parziali e sottostimati visto che comprendono solo le morti accertate, lasciando fuori i casi sospetti, le tante sparizioni di giornalisti in tutto il mondo.
Inoltre a questo già allarmante conto mancano i 29 giornalisti morti in due disastri aerei in Colombia e Russia, altrimenti il totalizzatore salirebbe già a 122.
Come sempre sono gli scenari di guerra i luoghi a maggiore rischio per i media: 30 i morti accertati in Medio Oriente e nel mondo arabo, 28 in Asia, 24 inAmerica Latina, 8 in Africa e 3 in Europa.
L’Iraq (15 morti) e l’Afghanistan (13) e il Messico (11) sono i paesi con più giornalisti morti.
Nel 2015 furono 112 le vittime accertate, ma questa leggera diminuzione non deve far abbassare la guardia; la lunga scia di morti, i molti crimini rimasti impuniti, la poca chiarezza fatta da tanti governi difronte alle sparizioni di giornalisti, le tante forme di pressione utilizzate contro la stampa hanno fatto da deterrente su chi ha il compito di raccontare generando un motto di autocensura.
In Italia nel 2016 nessun giornalista è stato ucciso, ma sono ben 412 i casi di intimidazioni, minacce e gravi abusi subiti dagli operatori dei media.
Lo ha calcolato Ossigeno per L’informazione che ha reso noti i nomi e le circostanze in cui le minacce si sono verificate. Il 15% ha subito aggressioni fisiche, il 32% avvertimenti, il 37% querele temerarie ed altre azioni giudiziarie atte a ostacolare il lavoro di cronista, il 4% ha subitodanneggiamenti, il 9% impedimenti a dar pieno compimento all’articolo 21 della Costituzione per i quali i codici non prevedono né reati né sanzioni.
Numeri, anche in questo caso, in diminuzione rispetto al 2015 (528 i casi conteggiati) ma che rimangono assolutamente parziali, spiega Ossigeno, perché comprendono solo i casi accertati.
“Altrimenti sarebbero 10 volte di più” ha detto il direttore di Ossigeno Alberto Spampinato, “ma forse stavolta questo numero dobbiamo ancora raddoppiarlo”, dopo che il ministero di giustizia ha reso noto il numero delle querele per diffamazione che ogni hanno vengono rigettate dai giudici già in fase preliminare: 5125 su 5904, circa l’87%.
“Alcune saranno presentate in buona fede” aggiunge Spampinato, “ma la maggior parte sono intimidazioni per via legale, bavagli consentiti da una legge ingiusta“.
Un panorama allarmante che rende ancora più urgente un intervento del legislatore per fermare uno strumento, quello delle querele temerarie, che soprattutto nelle periferie del nostro paese, dove il mestiere del cronista è meno garantito, diventa decisivo nella scelta di dare o meno una notizia, di denunciare in modo chiaro e diretto casi dicorruzione e di infiltrazioni mafiose, di andare fino in fondo nelle proprie inchieste.
Il primo passo per disinnescare questo strumento liberticida sarà l’apertura del tavolotavolo di confronto su questi temi annunciato dal ministro della giustizia Orlando.
Difendere la vita e la libertà di espressione di un cronista non significa solo salvaguardare il lavoro di una persona o la sua integrità fisica, significa anche moltiplicare gli anticorpi di una società sana che mantenga il pieno diritto ad essere informata in modo corretto in ogni occasione, in ogni latitudine.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta