Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Mafia: estorsioni a Foggia, tre restano in carcere

Rassegna Stampa

Mafia: estorsioni a Foggia, tre restano in carcere

Atti a Gip di Bari dopo convalida, contestata aggravante mafiosa
FOGGIA.
Restano in carcere Mario Salvatore Consalvo, Leonardo Ciavarella e Pasquale Nardella, i tre foggiani fermati lunedi' scorso dagli agenti della Squadra mobile di Foggia perche' accusati di aver tentato di estorcere denaro a un imprenditore edile e un commerciante. All'appello manca una quarta persona, un romeno tuttora ricercato. Nel corso dell'udienza di convalida del fermo davanti al Gip Armando dello Iacovo, i tre si sono avvalsi della facolta' di non rispondere, pur dichiarandosi innocenti. Il gip di Foggia, dopo aver convalidato i fermi, ha trasmesso gli atti per competenza al Gip di Bari essendo contestata l'aggravante mafiosa. Secondo gli inquirenti, gli indagati sono ritenuti vicini al clan Moretti-Pellegrino-Lanza. Le indagini sono partite grazie alle denunce sporte dalle vittime, corroborate anche dalle dichiarazioni del pentito Carlo Verderosa che, legato al clan Moretti, temendo per la sua vita nel dicembre scorso ha scelto di collaborare con la giustizia. A quanto si apprende, Consalvo e il rumeno sono accusati di aver tentato di estorcere 100mila euro a un imprenditore edile foggiano. "Prepara 100mila euro altrimenti vedi che ti succede": sarebbe stato questo il contenuto della telefonata estorsiva ricevuta dalla vittima nel novembre scorso. Ciavarella e Nardella sono accusati del tentativo di estorsione da 5mila euro a un commerciante gia' nel mirino del racket del pizzo. Denaro preteso per "mettere a posto la situazione di Rocco Moretti junior", nipote del capo clan arrestato nel febbraio 2019 per un'altra tentata estorsione, sempre allo stesso negoziante.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa