Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Mafia: agguato per vendicare morte boss, un arresto a Foggia

Rassegna Stampa

Mafia: agguato per vendicare morte boss, un arresto a Foggia

polizia carabinieri c imagoeconomica

Bari.
Avrebbe tentato di uccidere un esponente del clan rivale dei Libergolis per vendicare l'omicidio del boss di Manfredonia Mario Luciano Romito, tra le vittime del quadruplice omicidio del 9 agosto 2017 in cui furono uccisi anche due ignari testimoni dell'agguato, i fratelli Aurelio e Luigi Luciani. Polizia e Carabinieri, su richiesta della Dda di Bari, hanno arrestato nei giorni scorsi il 42enne Massimo Perdonò, ritenuto esponente di spicco del clan foggiano Moretti-Pellegrino-Lanza, alleato dei Romito di Manfredonia. All'indagato, già in carcere da alcuni mesi nell'ambito dell'inchiesta antimafia 'Decimazione', si contestano i reati di tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da sparo e rapina, con l'aggravante mafiosa. Perdonò avrebbe tentato di ammazzare il 18 febbraio 2018 il pregiudicato Giovanni Caterino, uno dei componenti del commando armato responsabile del quadruplice omicidio dell'estate 2017, che è in carcere per il delitto dallo scorso autunno. Per vendicare la morte del boss Romito, Perdonò con altre due persone al momento ignote, armati di fucile e pistola e indossando parrucche, avrebbero inseguito e speronato l'auto su cui viaggiava Caterino, dopo averlo pedinato fin sotto casa. Caterino riuscì a fuggire, mentre i tre rinunciarono all'agguato a causa de danni alla propria vettura e per allontanarsi rapinarono un'altra auto ad un passante. Nei confronti di Perdonò è stata riconosciuta l'aggravante mafiosa per "le modalità dell'agguato", in quanto i membri del commando erano travisati e armati, e per "le circostanze di tempo e di luogo tali da amplificarne la portata ed affermare il predominio del sodalizio di appartenenza" spiegano gli inquirenti, perché "l'agguato è stato commesso di prima mattina e in pieno centro abitato di Manfredonia".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa