Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia 20enni arrestati: gip Bari, atti balordi non mafiosi

Rassegna Stampa

20enni arrestati: gip Bari, atti balordi non mafiosi

polizia notte webA Bari figlio boss e altri sei incendiano saracinesca poi spari
Bari. Non basta essere il figlio di un boss per rispondere di mafia e quegli spari esplosi la notte Natale erano sono un modo "balordo" di festeggiare. quanto sostiene in sintesi il gip del Tribunale di Bari, Francesco Pellecchia, nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di sette 20enni del quartiere Libertà di Bari, tra i quali Ivan Caldarola, figlio del boss Lorenzo, accusati di aver incendiato la sede di una agenzia di pompe funebri dopo un tentativo di estorsione da 10 mila euro e di aver sparato più di 20 colpi di pistola contro la saracinesca di un circolo ricreativo nella notte di Natale. Il giudice, che non ha convalidato i fermi eseguiti dalla Polizia nei giorni scorsi, ha disposto su richiesta della Dda di Bari il carcere per tutti, escludendo tuttavia la contestata aggravante mafiosa. In particolare, con riferimento a Ivan Caldarola, difeso dall'avvocato Attilio Triggiani, "non appare fondata la contestazione dell'aggravante mafiosa - scrive il gip - non essendo sufficiente il mero dato relativo all'estrazione criminale di Caldarola o la dedotta platealità delle azioni delittuose poste in essere. Quanto al tentativo di estorsione - spiega il giudice - si rileva come la minaccia, attuata attraverso il tentativo di appiccare l'incendio di un locale commerciale nella pubblica via, sia fisiologicamente connotata da una certa platealità". Quanto, poi, agli spari nella notte di Natale, "non ci sono elementi sufficienti - continua il gip - per ritenere che il fatto sia riconducibile alla volontà di affermare e ribadire un certo prestigio criminale, e non al solo desiderio scellerato di festeggiare in maniera balorda, sebbene estremamente pericolosa ed allarmante, la vigilia di Natale". Tutti gli indagati, interrogati nel carcere di Bari, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa