Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Mafia: nuovo arresto per boss mafia, sparatoria in agguato

Rassegna Stampa

Mafia: nuovo arresto per boss mafia, sparatoria in agguato

Al quale sfuggì nel 2016, colpi contro aggressori
Foggia. Una nuova ordinanza di custodia cautelare è stata notificata dai carabinieri a Roberto Sinesi, di 56 anni pluripregiudicato foggiano, esponente di vertice della mafia foggiana, già detenuto nel carcere di Palermo per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Il nuovo provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Bari su richiesta della Dda. L'accusa è di detenzione e porto illegale in luogo pubblico
di una pistola cal.9 con l'aggravante mafiosa. L'inchiesta riguarda un agguato compiuto il 6 settembre del 2016 nel quale lo stesso Sinesi che era in auto con la figlia e un nipotino di 4 anni, rimase ferito. I sicari affiancarono l'auto del boss e spararono numerosi colpi di pistola e di kalashnikov, ferendo sia Sinesi sia il bambino.
Dalle indagini è emerso che la vittima designata dell'agguato era armata e che rispose al fuoco mettendo in fuga gli assalitori con almeno sei colpi di pistola. E' emerso anche che i familiari di Sinesi si prodigarono subito dopo per fare sparire la pistola e i vestiti indossati dall'uomo, che presentavano delle bruciature dovute agli spari. A Sinesi vengono contestate due aggravanti: la prima è quella di aver commesso il reato mentre era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale e la seconda, di avere agito col metodo mafioso. In quei giorni era in corso una ennesima guerra tra clan, scoppiata a partire dal settembre 2015, che ha visto una sanguinosa contrapposizione tra le batterie "Sinesi - Francavilla"  e "Moretti - Pellegrino - Lanza", con numerosi omicidi e tentativi di omicidio ai danni di esponenti di entrambe le fazioni.


ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa