Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Mafia: ucciso a Bari con 18 colpi kalashnikov, 2 condanne

Rassegna Stampa

Mafia: ucciso a Bari con 18 colpi kalashnikov, 2 condanne

Una a 30 anni, l'altra a 16. Assolto Mastrogiacomo
Bari. La Corte di Assise di Bari ha condannato i presunti esecutori materiali dell'omicidio del pregiudicato barese Donato Sifanno, ucciso a colpi di kalashnikov il 15 febbraio 2014 al quartiere San Paolo di Bari. I giudici, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, hanno condannato a 30 anni di reclusione il pluripregiudicato Arcangelo Telegrafo e a 16 anni di reclusione Emanuele Grimaldi, riconoscendo nei confronti di entrambi l'aggravante mafiosa. Assolto "per non aver commesso il fatto” l'imputato Francesco Mastrogiacomo. Nelle scorse settimane la Corte di Assise di Appello di Bari ha condannato a 30 anni di reclusione il boss barese Giuseppe
Misceo, detto 'Il fantasma', ritenuto il mandante del delitto. Altri cinque imputati sono attualmente a processo nell’ambito della stessa vicenda con l'accusa di aver fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per compiere l'agguato mafioso. Stando alle indagini della polizia, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi, Sifanno, nipote del boss Giuseppe Mercante e già sfuggito a due precedenti agguati, fu raggiunto da 18 colpi di kalashnikov mentre era a bordo della sua auto. Movente dell'omicidio sarebbero stati contrasti interni alla criminalita' organizzata per il predominio del clan Misceo nel quartiere.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa