Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Voto scambio Puglia: due le indagini su regionali 2015

Rassegna Stampa

Voto scambio Puglia: due le indagini su regionali 2015

Bari. Sono due le indagini della magistratura barese sul presunto voto di scambio politico-mafioso relativo alle elezioni regionali in Puglia del maggio 2015. Una di queste, l'ultima in ordine di tempo aperta dalla Dda, ha portato oggi in carcere 22 persone (altre tre sono ricercate) su un totale di 29 indagati, accusati di associazione mafiosa e, cinque di loro, anche di voto di scambio e coercizione elettorale.
La vicenda, che nel settembre scorso ha portato all'arresto di altre cinque persone (nei confronti delle quali è attualmente in corso il processo con rito abbreviato), fa riferimento alla candidatura di Natale Mariella (non eletto) nella lista dei 'Popolari' a sostegno di Michele Emiliano presidente, per il quale una decina di esponenti del clan Di Cosola avrebbero raccolto voti in cambio di soldi in diversi comuni del barese.
Su questo filone, in cui risulta formalmente indagato lo stesso Mariella, gli accertamenti sono ancora in corso mentre il primo fascicolo sulla vicenda è ora al vaglio di un giudice.
La presunta coercizione elettorale contestata agli indagati, stando alle inchieste dei Carabinieri coordinati dai pm Dda Carmelo Rizzo e Federico Perrone Capano che hanno raccolto le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, sarebbe però soltanto una delle attività illecite del clan, sgominato negli ultimi anni da quattro diverse indagini. Dal 2011 ad oggi la magistratura barese ha infatti portato a giudizio più di cento affiliati all'organizzazione mafiosa nelle operazioni 'Hinterland' e 'Pilastro' su estorsioni, droga, armi e agguati, alle quali si aggiungono 'Attila' e quella odierna sul presunto voto di scambio.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa