Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia La solidarietà dell’Arci alla cooperativa Terre di Puglia Libera Terra, vittima di una grave intimidazione mafiosa

Rassegna Stampa

La solidarietà dell’Arci alla cooperativa Terre di Puglia Libera Terra, vittima di una grave intimidazione mafiosa

cobianchi-alessandroDichiarazione di Alessandro Cobianchi (in foto), responsabile area Legalità democratica Arci
25 giugno 2014
Roma. “Siamo vicini ai giovani della cooperativa Terre di Puglia Libera Terra, vittima dell’ennesimo atto intimidatorio di stampo mafioso. Un incendio ha infatti distrutto circa 10 ettari di grano seminato sui terreni confiscati al clan Buccarella di Tuturano, e assegnati dall’anno scorso alla cooperativa.
Già in passato la stessa cooperativa ha subito vari atti intimidatori, che sommati a quelli verificatisi in altri terreni o beni confiscati alle mafie in diverse parti d’Italia nei mesi scorsi devono indurci a una riflessione seria sul perché di questa recrudescenza.
Siamo convinti che per evitare il ripetersi di simili azioni, sia indispensabile riattivare quel controllo sociale che scatta quando il bene sottratto alla criminalità organizzata viene percepito come bene restituito alla collettività, in primo luogo attraverso il suo riutilizzo sociale.
Per questo riteniamo che il campo della legalità che abbiamo organizzato a poca distanza da quel terreno possa rappresentare un efficace deterrente per il ripetersi di simili atti, così come tutte le altre attività di sensibilizzazione che costantemente promuoviamo, a cominciare dalla Carovana antimafie, che ha appena concluso la prima parte del suo viaggio in Italia.
Ora il nostro impegno prioritario è non far sentire soli i soci della cooperativa colpita, stando al loro fianco in una battaglia che ci riguarda tutti, perché solo con la sconfitta del potere mafioso la nostra democrazia potrà dirsi realizzata”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa