Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Brindisi, minacce e proiettili a magistrato e poliziotti

Rassegna Stampa

Brindisi, minacce e proiettili a magistrato e poliziotti

de-nozza-miltodi SONIA GIOIA - 25 ottobre 2013
Tirante in ballo anche le famiglie. Per il pm De Nozza lungamente impegnato nella lotta alla Sacra corona unita si tratta dell'ennesimo episodio
Brindisi.
Proiettili, due a testa, e minacce per il pm della Procura di Brindisi Milto De Nozza, per il capo della Squadra mobile Alberto Somma, per l'ispettore capo della sezione antiracket e antirapina della polizia Giancarlo Di Nunno e per un altro agente della stessa divisione. Munizioni e messaggi intimidatori destinati al magistrato inquirente e agli investigatori sono partiti da mittente sconosciuto, naturalmente, ma lo scopo delle missive non lascia spazio a interpretazioni. Due buste contenenti ciascuna due proiettili e una lettera anonima con frasi intimidatorie, bloccate al Centro di smistamento delle Poste di Bari. L'autore, o gli autori, invitano esplicitamente i destinatari a moderare lo zelo nel proprio lavoro, ma senza entrare troppo nel dettaglio. A corredo, minacce di morte, estese anche alle famiglie. Lettere e proiettili sono stati immediatamente posti sotto sequestro, e il prefetto Nicola Prete non ha esitato a convocare un comitato per l'ordine e la sicurezza al fine di decidere in che modo e misura intervenire a tutela del pubblico ministero preso di mira tanto quanto gli investigatori.

Per De Nozza non è la prima, ma la terza volta. Il giovane magistrato, per lungo tempo applicato all'antimafia, ha vissuto per anni guardato a vista dagli uomini della scorta, esattamente dal 4 novembre 2006 fino a luglio dell'anno in corso. Sette anni fa De Nozza ricevette il primo messaggio, firmato dalle ultime frange di resistenza della Sacra corona unita: i primi tre proiettili, spediti più o meno con le stesse modalità, con la differenza che quella volta la busta fu poggiata sulla scrivania al quarto piano del Tribunale dove il pm è di stanza. Il secondo avvertimento, dello stesso tenore, è arrivato a gennaio del 2010: tre proiettili in una busta sigillata dall'apparenza innocua, e nemmeno una parola. All'epoca il mittente si affidò insomma all'eloquenza dei proiettili. Nel frattempo De Nozza ha firmato richieste di condanna a carico della Scu per diverse centinaia di anni, puntualmente sottoscritte dai Tribunali che hanno decimato il clan Bruno di Torre Santa Susanna, il clan Brandi egemone a Brindisi, ma anche le nuove leve della Sacra, i nipotini della Scu di San Pietro Vernotico devoti a Totò Riina. Lo stesso pm ha firmato le indagini sull'attentato al Morvillo Falcone, stanando il killer di Copertino Giovanni Vantaggiato, salvo poi vedersi revocare l'inchiesta a seguito della frattura fra la Procura di Brindisi e l'antimafia di Lecce.

Da qualche tempo insomma, De Nozza non si occupa più di mafia, la scorta gli è stata nel frattempo revocata, ma a quanto pare la destinazione verso altri ambiti d'inchiesta non ne ha ridimensionato le inimicizie, almeno a giudicare dal pacchetto intimidatorio numero tre. Ma chi, e perché? I due principali interrogativi ai quali dovrà rispondere l'inchiesta avviata dalla Procura sono strettamente legati a un altro quesito, ossia quale tipo di legame, almeno a partire dalla prospettiva del mittente, vi sia con il resto degli investigatori presi di mira. La lettera anonima abbinata ai proiettili non lo dice. Resta un fatto che gli agenti destinatari delle minacce sono collaboratori di De Nozza, stretti e di lungo corso, e insieme a lui hanno firmato alcune delle indagini più scottanti degli ultimi anni in territorio brindisino.

bari.repubblica.it

In foto: il pm Milto De Nozza

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa