Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Puglia Bari: beni della mafia sequestrati a eredi del prestanome morto

Rassegna Stampa

Bari: beni della mafia sequestrati a eredi del prestanome morto

9 novembre 2011
Roma. Il prestanome che si intestava i beni della mafia è morto, ma la guardia di finanza ha sequestrato ugualmente i beni ai suoi eredi. È successo a Bari, grazie ad una nuova normativa che permette il sequestro preventivo anche nei confronti degli eredi di soggetti deceduti. Lo ha reso noto il comando provinciale delle Fiamme gialle in un comunicato. Beni per 102 milioni di euro, riconducibili al clan barese Parisi-Stramaglia, sono stati confiscati dalla guardia di finanza agli eredi dell'imprenditore Michele Labellarte, morto nel 2009 e considerato il riciclatore delle ricchezze della cosca. Il patrimonio confiscato è costituito da 8 societ… di capitali, 89 immobili (ville di pregio, appartamenti, capannoni industriali, terreni nelle province di Bari, Brindisi e Mantova), conti correnti bancari e automezzi. Il provvedimento rientra nell'operazione «Domino», che nel dicembre 2009 aveva portato all'arresto di 83 presunti affiliati ai clan baresi.

ANSA


Confisca beni in puglia: imprenditore lavò tesori clan

9 novembre 2011
Bari. Fu il boss di Valenzano (Bari), Michelangelo Stramaglia, a rivolgersi a Michele Labellarte, imprenditore 'rampanta' del posto, per 'lavare' il tesoro del clan: sei miliardi di vecchie lire in contanti. È quanto emerge dalle indagini che oggi hanno portato alla confisca, da parte dei militari della Guardia di Finanza, di beni per oltre 100 milioni di euro agli eredi di Michele Labellarte morto nel 2009 e che, secondo la Procura di Bari, avrebbe aiutato il clan Parisi-Stramaglia a convertire da lire in euro parte del patrimonio del clan ottenuto con il traffico di sostanze stupefacenti, ma non solo. Labellarte, quindi, contattato da Stramaglia, diventò il «cassiere» del clan con il compito di investire e diversificare i contanti ricevuti. E lui, in seguito, lo ha fatto avvalendosi di prestanome ai quali ha intestato numerose società e conti correnti bancari, costituendo il cosiddetto «Gruppo societario Labellarte». Secondo quanto accertato dagli inquirenti, sono otto le società avviate da Labellarte e amministrate da «teste di legno»: la Uniedil srl e Alitrading srl di Bari, Labellarte Francesco Srl, Panarale Srl, L'Emiro Srl, Duemilasessantuno Srl, tutte con sede a Valenzano, la Ellemme Srl di Cellamare e la Started Srl con sede a Bozzolo (Mn). Imprese che poi avrebbero investito nell'acquisto di ville, appartamenti, capannoni industriali e terreni edificabili. Ma il sogno di Labellarte era quello di costruire a Valenzano un Campus universitario da 3500 posti letto per i fuori sede. Un progetto rimasto sulla carta nonostante fosse stato avviato tutto l'iter, a cominciare dall'acquisizione dei suoli. Oltre alle otto società oggi sono stati sottoposti a confisca: 89 immobili (tra cui ville, appartamenti, capannoni industriali e terreni) ubicate a Bari e in provincia, a Brindisi e a Mantova, 83 rapporti di conti bancari e quattro automezzi, per un valore complessivo pari a circa 102 milioni di euro. «Il decreto di confisca odierno - sottolineano dalla Guardia di finanza - è importante perchè ha consentito l'acquisizione definitiva dei suddetti beni al patrimonio dello Stato».

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa