Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Campania Camorra: cugino di ''Sandokan'' accusato di essere mandante omicidio di Raffaele Lubrano

Rassegna Stampa

Camorra: cugino di ''Sandokan'' accusato di essere mandante omicidio di Raffaele Lubrano

di AMDuemila
I carabinieri di Caserta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea, nei confronti di Francesco Schiavone ('Cicciariello'), 67 anni, cugino del più noto capoclan dei Casalesi Francesco "Sandokan" Schiavone, già detenuto a Novara, perché ritenuto mandante dell’omicidio (aggravato dal metodo mafioso) di Raffaele Lubrano, figlio del capo clan Vincenzo, avvenuto a Pignataro Maggiore il 14 novembre 2002. La misura cautelare è stata emessa al termine di un'indagine, avviata nel 2019, che ha consentito di accertare il coinvolgimento di Schiavone nell’omicidio.
Lubrano dopo aver lasciato la sua azienda, mentre si trovava in macchina, era stato raggiunto e affiancato dai killer che iniziarono a sparargli contro alcuni colpi d’arma da fuoco. Lubrano, nel disperato tentativo di sottrarsi all’agguato, era riuscito a invertire la marcia, tentando la fuga in direzione del centro abitato per poi essere raggiunto e finito dai killer. L’omicidio, spiegano gli inquirenti, è da inquadrare nella guerra di Camorra tra il clan dei casalesi e quello locale dei Lubrano-Ligato per la supremazia sul territorio di Pignataro Maggiore. Gli interessi criminali dei due sodalizi avevano originato molte frizioni alle quali erano poi seguite tregue strategiche durante le quali la fazione casalese era riuscita a imporre le proprie regole.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa