Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Campania Camorra: uccisero killer degli 'scissionisti', arrestati

Rassegna Stampa

Camorra: uccisero killer degli 'scissionisti', arrestati

Ricostruito dalla Squadra Mobile l'omicidio di Mirko Romano
Napoli. Due affiliati al clan camorristico Amato-Pagano sono stati arrestati dalla Polizia nel quadro delle indagini sull'omicidio di un altro affiliato al clan, Mirko Romano, di 27 anni, ritenuto un killer dell'organizzazione criminale. Mario Riccio, 28 anni, di Mugnano (Napoli) conosciuto come "Mariano", e Francesco Paolo Russo, 31, di Pompei (Napoli), sono stati identificati grazie alle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, avallate da intercettazioni e riscontri della Squadra Mobile di Napoli, coordinate dalla DDA. Mirko Romano, che era entrato nel clan degli "scissionisti" dei Di Lauro nell'autunno 2012, durante la seconda fase della "faida di Scampia", era soprannominato "l'italiano" per la sua abitudine di esprimersi sempre in italiano corretto. Il 27 enne, freddo e composto, aveva guadagnato popolarità all'interno del clan tra i nuovi affiliati e si era affermato come un killer spietato ed efficiente. Il suo rapporto con i capi degli "scissionisti", Mariano Riccio e Carmine Cerrato, pero' si era deteriorato per l'insofferenza di Romano agli ordini ricevuti. Ritenuto poco affidabile dai vertici e pericoloso, per il prestigio del quale godeva, e per le critiche che aveva apertamente formulato, Romano fu eliminato dopo essere stato attirato in una trappola da Francesco Paolo Russo, un altro killer del clan, di cui si fidava. Il cadavere di Mirko Romano fu abbandonato in strada e fu trovato dai Carabinieri la mattina del 3 dicembre 2012.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa