Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Percepiva reddito di cittadinanza, denunciato esponente delle cosche

Rassegna Stampa

Percepiva reddito di cittadinanza, denunciato esponente delle cosche

di AMDuemila
Era coinvolto nell'inchiesta Rinascita-Scott

Questa mattina la Guardia di Finanza ha sottoposto a sequestro preventivo, su decreto del Gip, una somma pari a tremila euro ad Angelo Accorinti, nipote di Giuseppe Accorinti, ritenuto al vertice dell'omonima 'ndrina operante nel territorio di Zungri e zone limitrofe, coinvolto in numerose inchieste.
In particolare secondo gli investigatori delle Fiamme gialle avrebbe omesso di comunicare di essere stato colpito da una misura cautelare personale emessa nell'ambito della nota operazione Rinascita-Scott.
Omissione che gli ha permesso di beneficiare indebitamente, dal mese di gennaio, di circa 3mila euro di Reddito di cittadinanza.
L'accertamento si è svolto nell'ambito di verifiche avviate dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia e la Gdf rispetto alla regolarità delle fruizioni del sussidio da parte di soggetti non aventi diritto, appartenenti o collegati alla criminalità organizzata. In particolare Accorinti jr è stato denunciato per l'articolo 7, comma 2, del D.L. 28 gennaio 2019, n. 4. L'autorità giudiziarie e la Guardia di Finanza - si sottolinea - proseguiranno l'azione di contrasto in materia di Reddito di Cittadinanza, per evitare che le somme possano andare a beneficio di boss mafiosi o altri appartenenti alle cosche, verificando anche l'esistenza di eventuali connivenze o mancati controlli ad opera dei soggetti preposti. L'azione della Gdf - si aggiunge - è finalizzata a prevenire e reprimere condotte illecite dall'elevato disvalore sociale in quanto tese a sottrarre risorse alle fasce più bisognose della popolazione, evitando il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto, come, ad esempio, i condannati in via definitiva per associazione a delinquere di tipo mafioso.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa