Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: tre ergastoli per duplice omicidio a Cosenza

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: tre ergastoli per duplice omicidio a Cosenza

di AMDuemila
Ieri pomeriggio la Corte d'Assise del Tribunale di Cosenza ha condannato alla pena dell'ergastolo Antonio Abbruzzese, 50 anni, Fiore Abbruzzese, 54 anni, e Celestino Bevilacqua, 58 anni, per il duplice omicidio nel quale morirono Aldo Benito Chiodo e Francesco Tucci, avvenuto nel 2000, in via Popilia, a Cosenza. Imputati anche Luigi Berlingieri, 49 anni, condannato a 30 anni di reclusione, e Saverio Madio, 57 anni, condannato a 28 anni e 6 mesi di reclusione, unico escluso dalla circostanza aggravante della premeditazione. Per i due Abbruzzese e per Bevilacqua disposto anche l'isolamento diurno per 18 mesi. Il collegio giudicante, presieduto da Paola Lucente con a latere Giovanni Garofalo e i giudici popolari, ha disposto anche che i cinque dovranno pagare le spese processuali e quelle delle rispettive custodie cautelari. Il duplice omicidio di Chiodo, 39 anni, e Tucci, 48 anni, avvenne nel novembre del 2000. I due vennero crivellati in via Popilia e poi finiti con un colpo alla testa. Tucci sarebbe stato ucciso solo perché si trovava in compagnia di Chiodo, vero bersaglio del delitto. Nel fatto di sangue rimase ferito Mario Trinni. Per gli omicidi era già stato condannato Francesco Bevilacqua, alias "Franchino di Mafalda", all'epoca dei fatti capo del clan degli "Zingari" di Cosenza, poi diventato collaboratore di giustizia. E' stato lui a rivelare il movente dell'agguato, riconducibile al mancato rispetto, da parte di Chiodo, dei patti stretti dai nomadi con l'allora gruppo confederato dei Lanzino-Cicero, per la spartizione dei proventi di alcune attività illecite precluse agli zingari, come le estorsioni, l'usura e il traffico di cocaina.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa