Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: richieste condanne per quasi 200 anni nel processo Trigarium

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: richieste condanne per quasi 200 anni nel processo Trigarium

di AMDuemila
Si è conclusa la requisitoria del procedimento, derivante dall’operazione Trigarium, con le richieste di condanne per quasi duecento anni di carcere da parte del sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Paolo Sirleo nei confronti dei 14 imputati. L’operazione del 30 luglio 2018 smantellò la cosca emergente dei Bagnato di Roccabernarda e fece luce anche sull'omicidio di Rocco Castiglione avvenuto il 31 maggio del 2014 per il quale è in corso il processo in Corte d’Assise.
L’inchiesta ha individuato mandanti ed esecutori di numerosi e particolarmente crudeli episodi intimidatori ai danni di cittadini di Roccabernarda ai quali sono stati uccisi gli animali o tagliate decine di piante di ulivo a scopo estorsivo. Dalle indagini è emerso che la cosca era legata ai Grande Aracri di Cutro ed ai Comberiati di Petilia Policastro. Dieci imputati devono rispondere delle accuse di associazione mafiosa, detenzione e porto illegale di armi, estorsione, ricettazione, danneggiamenti, uccisione di animali. La richiesta di pena più importante riguarda Antonio Santo Bagnato, ritenuto il capo della cosca, per il quale il pm ha chiesto 30 anni di reclusione; 20 invece gli anni di carcere chiesti per il figlio Giuseppe Bagnato. Per il collaboratore di giustizia Domenico Iaquinta, che ha permesso di fare luce sui fatti criminali della cosca e sull'omicidio Castiglione, il pm ha chiesto sei anni di reclusione. Nell'operazione sono stati coinvolti anche professionisti e dirigenti del Comune di Roccabernarda accusati di abuso d'ufficio (per la concessione di una sanatoria ad un fienile di Bagnato) con l'aggravante del metodo mafioso. Si tratta di Domenico Colao, geometra (per lui il pm ha chiesto la condanna a 2 anni); Salvatore Fonte, ingegnere (2 anni); Giovanni Iaquinta (5 anni); Luigi Piro, responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune di Roccabernarda e all'epoca dei fatti assessore (3 anni). Le altre richieste di condanna riguardano Antonio Santo Bagnato (30 anni), Antonio Cianflone (26 anni), Antonio Marrazzo (25 anni) Giuseppe Bagnato (20 anni), Michele Marrazzo (18 anni), Mario Riccio (18 anni), Emanuele Valenti Carcea (15 anni), Maurizio Bilotta (13 anni), Salvatore Aprigliano (10 anni), Domenico Iaquinta (6 anni), Giovanni Iaquinta (5 anni), Luigi Piro (3 anni), Salvatore Fonte (2 anni) e, Domenico Colao (2 anni). Nel processo per l'omicidio di Rocco Castiglione sono imputati Antonio Santo Bagnato, Michele Marrazzo, Gianluca Lonetto, Antonio Cianflone, Antonio Marrazzo e Domenico Iaquinta.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa