Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: concessi domiciliari alla compagna di Ernesto Fazzalari

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: concessi domiciliari alla compagna di Ernesto Fazzalari

di AMDuemila
Doppia frattura alle vertebre dopo la caduta

Sono stati concessi gli arresti domiciliari a Rosa Zagari, condannata in primo grado, nell'ambito del processo "Terramara Closed", per associazione per delinquere di stampo mafioso quale partecipe della cosca Zagari-Fazzalari di Taurianova. A firmare il provvedimento il Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Giovanna Sergi. A rendere nota la notizia è stato il legale difensore della donna, Antonino Napoli. Durante la reclusione nel carcere di Reggio Calabria, Zagari, dopo una caduta, si è procurata una doppia frattura alle vertebre. Il 26 giugno 2016, la donna fu arrestata in quanto fu trovata in compagnia del latitante Ernesto Fazzalari, considerato all'epoca il più pericoloso d'Italia dopo Matteo Messina Denaro. I carabinieri sono riusciti a scoprire il covo del latitante seguendo proprio la donna che era al tempo la compagna di Fazzalari. I reati contestati alla donna erano quelli di procurata inosservanza di pena aggravato dall'aver avvantaggiato la cosca di appartenenza del Fazzalari e, dopo la condanna in primo grado, la Corte di Appello di Reggio Calabria, accogliendo le argomentazioni della difesa, rappresentata dall'avvocato Antonino Napoli, l'aveva assolta. Con l'operazione "Terramara Closed" a Rosa Zagari, invece, è stato contestato il reato associativo in quanto sarebbe stata coinvolta in una serie di incontri con Domenico Rettura, considerato dagli inquirenti l'uomo più vicino al latitante, e nello scambio di buste e "pizzini" grazie ai quali il latitante avrebbe comunicato con gli altri accoliti. Le condizioni di salute della detenuta, nonostante - dopo un primo trasferimento a Santa Maria Capua Vetere - sia stata reclusa nel centro clinico di Messina, erano progressivamente peggiorate tanto da non consentirle di muoversi autonomamente ma solo con il sostegno di una compagna di detenzione. Il legale della donna, dopo aver ricevuto il via libera dal Gip alla nomina di un perito di parte, ha evidenziato come le cure nel carcere non fossero adeguate alle patologie ed ha chiesto che alla sua assistita venissero concessi gli arresti domiciliari o ospedalieri per consentirle di curarsi o, in subordine, l'espletamento di una perizia al fine di accertare la compatibilità carceraria delle condizioni di salute della propria cliente. Per questo motivo, il Gip ha nominato un perito il quale, pur riconoscendo una sostanziale compatibilità carceraria delle condizioni di salute della Zagari, ha confermato le patologie lamentate e riscontrate dal consulente di parte ed ha rilevato, di contro, l'insuccesso della terapia riabilitativa messa finora in pratica presso l'istituto di detenzione. Il giudice, ha riferito ancora il legale, considerati il quadro di salute della detenuta, il dolore cronico diffuso che rende assai difficile la sua stessa deambulazione, l'insuccesso delle terapie mediche e riabilitative seppur praticate con costanza in carcere, la necessità di incrementare le terapie con altre da effettuarsi in centri specializzati e le ulteriori patologie, ha quindi disposto la sostituzione della misura carceraria con quella degli arresti domiciliari stante anche la difficoltà di rinvenire una struttura ospedaliera pronta all'accoglienza per emergenza sanitaria diffusa su tutto il territorio nazionale. Le condizioni di salute della Zagari avevano destato, nei mesi scorsi, l'attenzione anche della stampa nazionale e locale, dei Radicali e di numerose associazioni che si occupano dei diritti dei detenuti.

In foto Ernesto Fazzalari e Rosa Zagari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa