Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: scoperto arsenale nel Vibonese, 4 arresti

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: scoperto arsenale nel Vibonese, 4 arresti

di AMDuemila
Questa mattina, a Vibo Valentia, quattro persone sono state arrestate dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale in riferimento ai rinvenimenti di due ingenti quantitativi di armi avvenuti il 20 ottobre 2019 e il 6 febbraio scorso, quando i militari del comando provinciale di Vibo Valentia e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria trovarono, sigillato all'interno di alcune pareti, un vero e proprio arsenale composto da fucili automatici, pistole, munizioni e giubbetti anti-proiettili.
Secondo quanto emerso le indagini avrebbero consentito di accertare che le armi ritrovate costituivano l'arsenale della 'ndrina "Pardea-Rainisi", pronte per essere utilizzate per l'esecuzione dell'omicidio di Rosario Pugliese, attualmente latitante ed appartenente alla contrapposta 'ndrina "Cassarola". L'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Dda del capoluogo, riguarda Francesco Antonio Pardea, Marco Ferraro, Filippo Di Miceli, già tratti in arresto nell'operazione "Rinascita-Scott" e tutti considerati appartenenti al clan di Vibo Valentia "pardea-Rainisi" nonché la moglie di uno degli arrestati, sottoposta ai domiciliari.
Ai fini delle indagini è risultato rilevante l'incontro monitorato nel 2009 tra esponenti di vertice della cosca di Vibo Valentia e Domenico Oppedisano, detto "Don Mico", arrestato nell'abito dell'operazione "Crimine" e ritenuto capo indiscusso della 'ndrangheta, a conferma dei legami fra il clan e il "Crimine" di Polsi, luogo simbolico per la mafia calabrese.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa