Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: motivazioni non depositate, liberi 5 condannati

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: motivazioni non depositate, liberi 5 condannati

E' passato quasi un anno e mezzo dalla sentenza di primo grado del processo relativo all'inchiesta antimafia 'Costa pulita', ma le motivazioni non sono ancora state depositate, ragion per cui cinque condannati con il rito abbreviato sono stati scarcerati per decorrenza del termine massimo di fase in assenza della celebrazione (e quindi pronuncia) del giudizio di appello. Si tratta di un processo nato dall'operazione contro i clan di Vibo Valentia condotta nell'aprile del 2016 dalla Dda di Catanzaro e che ha visti coinvolti, oltre all'ex presidente della Provincia di Vibo e all'ex sindaco di Briatico, anche alcuni esponenti della criminalità organizzata calabrese, di cui il Gup Pietro Carè, lo stesso che non ha depositato le motivazioni, ha disposto l'immediata scarcerazione accogliendo l'istanza dei difensori. A lasciare il carcere sono stati Pasquale Prossomariti, condannato per associazione mafiosa ed estorsione (per lui rimane il divieto di dimora nella provincia di Vibo); Leonardo Melluso, ritenuto il capo dell'omonimo clan, e Giancarlo Lo Iacono, condannato a 8 anni (per entrambi è scattato il divieto di dimora). In libertà (per lui, oltre al divieto di dimora, anche l'obbligo di presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria) anche Carmine Il Grande, ritenuto il vertice dell'omonimo clan di Parghelia. Lascia i domiciliari anche Salvatore Muzzopappa. Il processo col rito abbreviato è stato celebrato per 31 imputati, e il termine massimo di custodia cautelare in carcere per tutti scadrà il 31 gennaio.

AdnKronos

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa