Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: scarcerati i boss pizzata di San Luca

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: scarcerati i boss pizzata di San Luca

Roma. I fratelli Antonio e Francesco Pizzata, punti di riferimento della 'Ndrangheta di San Luca ritenuta ai vertici della mafia calabrese secondo numerose indagini, sono stati scarcerati dalla Corte di Appello di Roma per scadenza del termine massimo di custodia cautelare relativo al procedimento penale sulla presunta sussistenza ed operatività di un'associazione dedita al narcotraffico su Roma. La vicenda giudiziaria risale al 2015, quando è scattata una maxioperazione originariamente a carico di 37 indagati, alcuni dei quali considerati vicini a consorterie della 'ndrangheta di San Luca. I tre imputati potranno ritornare liberi se non detenuti per altra causa. Questo è il caso di Vincenzo Crisafi, arrestato a Roma, e coinvolto in un altro procedimento. La notizia è stata pubblicata dalla Gazzetta del Sud e rilanciata dal massmediologo Klaus Davi che è anche consigliere comunale di San Luca. Il provvedimento dei giudici romani è giunto all'esito del deposito dell'istanza dei difensori dei tre imputati, a seguito della decisione della Corte di Cassazione che nelle scorse settimane ha annullato con rinvio il processo che vede coinvolti Crisafi e i due Pizzata insieme ad altri soggetti. A seguito della sentenza della Cassazione, in particolare, l'avvocato Giovanni Taddei, per Antonio Pizzata, e gli avvocati Giandomenico Caiazza e Roberto Rampioni, per l'altro Pizzata, hanno evidenziato che la sentenza di secondo grado è stata annullata relativamente a tutti i capi di imputazione per i quali era intervenuta la conferma della condanna emessa dal primo giudice. I difensori hanno rivelato, inoltre, che il termine massimo di fase era decorso di conseguenza hanno chiesto la scarcerazione dei rispettivi assistiti. I giudici hanno accolto le osservazioni dei legali ed hanno dichiarato inefficaci le misure cautelari applicate.

AdnKronos

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa