Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: confisca beni 1,3 mln a clan Gallace-Novella

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: confisca beni 1,3 mln a clan Gallace-Novella

Roma. Confisca per 1,3 milioni di beni al clan Gallace-Novella. La confisca è stata eseguita dalla Guardia di Finanza e da uomini della Questura di Roma e riguarda immobili, auto, rapporti finanziari e polizze assicurative. Coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina, gli investigatori hanno ricostruito la "carriera criminale" e analizzato la posizione economico-patrimoniale di 7 persone coinvolte, in passato, in traffico di droga. Tra queste, spiccano le posizioni di Angelo Gallace e Liberato Tedesco, condannati in primo grado, nel 2013, dal Tribunale di Velletri per aver fatto parte di un'associazione di stampo mafioso, la 'ndrina Gallace-Novella, operativa nei Comuni di Anzio (RM) e Nettuno (RM). Il primo era incaricato dello spaccio di sostanze stupefacenti, l'altro che ha scontato una pena di 24 anni di reclusione per omicidio e altri fatti avvenuti nel 1974 nell'ambito della "Faida di Guardavalle", svolgeva funzioni di raccordo logistico del sodalizio. Gli altri destinatari della confisca sono Umberto Romagnoli, Alessandro Romagnoli, Francesca Romagnoli e Tiziano Romagnoli.
I beni riconducibili che entreranno definitivamente a far parte del patrimonio dello Stato sono: 9 unità immobiliari situate ad Anzio, Nettuno e Cappadocia (AQ) e la quota di un ulteriore terreno, ubicato ad Aprilia (LT); 6 auto e 3 moto, una ditta individuale; l'intero patrimonio aziendale di una società; 9 tra rapporti finanziari e polizze assicurative.
Oltre alla misura di natura patrimoniale, nello stesso procedimento di prevenzione l'Autorità giudiziaria aveva già applicato quella personale della sorveglianza speciale di polizia con obbligo di soggiorno per tre anni a Umberto Romagnoli, Angelo Gallace e Liberato Tedesco; per due anni, a carico di Alessandro Romagnoli, Tiziano Romagnoli, Francesca Romagnoli e Giuseppe Profenna.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa