Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Anno giudiziario: Reggio Calabria, 'ndrangheta e' tentacolare

Rassegna Stampa

Anno giudiziario: Reggio Calabria, 'ndrangheta e' tentacolare

gerardis luciano c imagoeconomicaPresidente Gerardis: meno omicidi, dato estorsioni invariato
Reggio Calabria. "Una 'Ndrangheta tentacolare, infiltrata in tutte le categorie sociali, predominante nell'economia, con diverse e gravi violazioni della legalità e con gravi distorsioni del mercato del lavoro, determinando effetti degenerativi nella gestione di tanti enti pubblici, con il conseguente stravolgimento di ogni criterio meritocratico di selezione". Lo ha detto il presidente della Corte d'Appello di Reggio Calabria, Luciano Gerardis, nella relazione fatta nel corso della cerimonia d'inaugurazione dell'anno giudiziario. Gerardis ha rilevato che "si é registrata una diminuzione dei reati più efferati contro la persona, omicidi e tentati omicidi in particolare, così come di tutti i reati contro il patrimonio come rapine, ricettazione, usura e danneggiamenti, mentre resta sostanzialmente invariato il totale delle estorsioni. In aumento, invece, le violenze sessuali, conseguenza anche di un'accresciuta disponibilità alla denuncia da parte delle vittime".

Anno giudiziario: Procuratore Reggio C., 'associati occulti'
"Consentito l'ingresso di appartenenti alla massoneria coperta"
Reggio Calabria. "La 'Ndrangheta, come confermato da numerose sentenze e pronunciamenti della Suprema Corte di Cassazione, è un'organizzazione criminale di tipo unitario, dotata di gerarchie note a tutti i suoi appartenenti e di articolati organismi decisionali di tipo verticistico per la gestione delle principali attività delittuose. Inoltre, può contare sulla presenza di associati 'occulti', di una testa pensante riservata, occulta e invisibile, dotata di regole segrete e speciali". Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, nel suo intervento nel corso della cerimonia d'inaugurazione dell'Anno giudiziario. "Regole speciali - ha aggiunto Bombardieri - che sono dettate con lo scopo di aumentare il potere di influenza della struttura apicale riservata per consentire l'ingresso nella medesima dei soli appartenenti alla massoneria coperta, sconosciuti anche ai confratelli di loggia. Peraltro, dalle più recenti indagini è emerso che al vertice della 'Ndrangheta si colloca una struttura composita, con più anime e diverse funzioni: accanto alla 'Provincia', operano ulteriori organismi destinati a garantire la gestione operativa unitaria delle principali attività delittuose, riferibili ad un comitato ristretto di teste pensanti. Ed è tale configurazione che spiega la programmazione dell'infiltrazione negli appalti pubblici; l'organizzazione di imprese in cartello per l'acquisizione degli appalti in favore delle imprese contigue, colluse o intranee; l'abbandono del metodo dell'intimidazione, sostituito da quello della persuasione e della condivisione e la proiezione internazionale per il reinvestimento dei proventi del traffico di droga, che rimane la prima fonte di arricchimento della 'Ndrangheta. Le cosche della provincia di Reggio Calabria mantengono, infatti, rapporti privilegiati con i principali gruppi di fornitori di cocaina in sud America e con gli emissari di questi in Spagna, Olanda e Germania. La 'Ndrangheta è ormai un modello criminale riconosciuto di riferimento a livello internazionale, senza privarsi delle proprie tradizioni originarie, risultando adattabile e flessibile nell'infiltrare diversi contesti sociali e territoriali, ma al tempo stesso particolarmente resistente alle strategie di prevenzione e di contrasto". "Non vi è alcun dubbio - ha concluso il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria - che il primo ostacolo allo sviluppo sociale, economico, politico e culturale nella provincia reggina è rappresentato proprio dalla pervasività della 'Ndrangheta".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa