Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: sentenza riconosce esistenza cosca Trapasso

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: sentenza riconosce esistenza cosca Trapasso

È la prima volta che accade, presunto boss condannato a 20 anni
Catanzaro. Si è concluso con 41 condanne ed una assoluzione il processo scaturito dall'operazione "Borderland", condotta dalla squadra mobile di Catanzaro e coordinata dalla Dda che il 29 novembre 2016 portò all'arresto di 48 persone, contro la cosca Trapasso di San Leonardo di Cutro (Crotone). E' la prima volta che una sentenza riconosce l'esistenza della cosca. Il gup di Catanzaro Claudio Paris ha comminato oltre 400 anni di carcere per 41 imputati ritenuti esponenti e sodali del clan. Secondo l'accusa la cosca è egemone sul territorio al confine tra le province di Catanzaro e Crotone, operante in simbiosi con il gruppo ad essa collegato dei Tropea. Venti anni di reclusione sono stati inflitti al presunto boss Giovanni Trapasso, 14 anni a Vincenzo Trapasso, 18 anni sono stati comminati a Leonardo Trapasso e 8 a Giuseppe Trapasso. Diciotto anni sono stati inflitti anche all'esponente del gruppo sodale Giuseppe Tropea. Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile di Catanzaro e dallo Sco e coordinate dal procuratore Nicola Gratteri, dai procuratori aggiunti Vincenzo Luberto e Giovanni Bombardieri (oggi procuratore capo di Reggio Calabria) e dall'allora sostituto (oggi aggiunto) Vincenzo Capomolla. Nel corso delle indagini sono emersi gli interessi dei clan, con solidi legami con le cosche reggine e vibonesi oltre che con quelle crotonesi, sulle attività economiche della zona, con riguardo particolare ai numerosi villaggi turistici, una fiorente attività di esercizio abusivo del credito e di usura e una capillare pressione estorsiva sugli imprenditori talvolta concretizzatesi nella apprensione dei beni delle vittime da parte della consorteria malavitosa.

ANSA

In foto: Tommaso e Giuseppe Trapasso

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa