Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: omicidi nel vibonese, inflitti quattro ergastoli

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: omicidi nel vibonese, inflitti quattro ergastoli

Condannati 3 fratelli, anche intimidazione a imprenditore Callipo
Catanzaro. Si é concluso con quattro ergastoli e condanne da due a 30 anni di reclusione il processo denominato "Conquista" su due omicidi di matrice mafiosa accaduti nel vibonese nel 2004 e nel 2005 e su un'intimidazione messa in atto ai danni dell'imprenditore Pippo Callipo, titolare di un'industria di conserve alimentari e di varie attività economiche e ricettive. Il processo, in cui era imputate complessivamente nove persone, si é svolto col rito abbreviato davanti al Gup distrettuale di Catanzaro, Barbara Saccà. La pubblica accusa è stata sostenuta dal sostituto procuratore della Dda Antonio Di Bernardo. Il carcere a vita é stato inflitto ai fratelli Pasquale, Domenico e Nicola Bonavota, affiliati all'omonima cosca della 'ndrangheta, e ad Onofrio Barbieri, tutti accusati di essere stati coinvolti, a vario titolo, negli omicidi di Raffaele Cracolici e Domenico Di Leo, avvenuti a Pizzo e a Sant'Onofrio, centri del vibonese, rispettivamente, il 4 giugno del 2004 e il 12 luglio del 2005. A 30 anni di reclusione é stato condannato Francesco Fortuna, accusato di avere partecipato all'assassinio di Cracolici. Per l'intimidazione ai danni di Callipo (11 colpi di pistola contro il cancello d'ingresso del "Popilia Country Resort") sono stati comminati quattro anni di reclusione a Domenico Febbraro, esecutore materiale del danneggiamento, messo in atto, secondo l'accusa, su mandato di Domenico Bonavota.

Fonte: ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa