Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: violenza durante movida, in carcere nipote boss

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: violenza durante movida, in carcere nipote boss

carcere mani sbarre 610Aggravamento della misura cautelare per Giovanni Tegano
Reggio Calabria. Gli agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria hanno arrestato Giovanni Tegano, di 22 anni, in esecuzione di una nuova ordinanza di custodia cautelarein carcere emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria per violenza privata, aggravata dalle modalità mafiose. Il ventiduenne, nipote del boss Giovanni Tegano di 79 anni, ritenuto al vertice dell'omonima cosca e attualmente detenuto ai domiciliari, è stato portato in carcere in conseguenza di un provvedimento di aggravamento della misura cautelare cui era sottoposto. Tegano era stato arrestato e posto ai domiciliari lo scorso giugno a seguito dei fatti avvenuti nella notte del 28 maggio 2017, davanti ad un bar della movida reggina. Tegano, in quella circostanza, giunse sul posto insieme ad altri giovani a bordo di un'auto a forte velocità, impattando col marciapiede vicino al punto in cui era seduto un giovane che stava trascorrendo la serata insieme ad alcuni suoi amici. Quest'ultimo face cenno al conducente di andare piano, trovando tuttavia la pronta reazione del guidatore che scese dall'auto, insieme ad altri quattro giovani, e con fare minaccioso gli si rivolse con la frase "Non sai chi sono io? Sono Giovanni Tegano", continuando poi ad inveire e ad utilizzare la chiave dell'autovettura spingendola contro il collo della vittima, tanto da provocargli lesioni. A Tegano viene contestata l'aggravante mafiosa proprio per avere evocato, ostentando il proprio cognome, la forza intimidatoria dell'omonima cosca di 'ndrangheta.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa