Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: nuovo sopralluogo dopo agguato esponente cosca

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: nuovo sopralluogo dopo agguato esponente cosca

gioffre fabio giuseppeInvestigatori sentono familiari e cercano chiarire episodio
Seminara. Nuovo sopralluogo oggi degli investigatori nel terreno in località "Venere" di Seminara dove ieri è stato assassinato in un agguato a colpi di fucile caricato a pallettoni Giuseppe Fabio Gioffrè (in foto), di 39 anni, presunto esponente dell'omonima cosca di 'ndrangheta, ed un bambino di 10 anni figlio di due immigrati bulgari è rimasto gravemente ferito. I carabinieri della Compagnia di Palmi, coordinati dalla Dda di Reggio Calabria, stanno cercando di venire a capo della vicenda e per questo avrebbero anche sentito i familiari della vittima per sapere se negli ultimi tempi fosse preoccupato o fosse entrato in contrasto con qualcuno. Gioffrè apparteneva ad una famiglia coinvolta in una delle faide più sanguinose della storia della 'ndrangheta, ma lo scontro risale agli anni '90. Troppo tempo è passato - è il pensiero degli investigatori - perché il delitto possa essere ricondotto alla faida. Ed è quindi alla ricerca di fatti recenti che possano essere all'origine dell'agguato che si stanno muovendo i carabinieri. Un lavoro appena iniziato e che, allo stato, non avrebbe ancora consentito di individuare elementi certi sulla matrice.

ANSA


'Ndrangheta: carabinieri, nessun particolare da bimbo ferito
Prognosi é stata sciolta, medici ottimisti su condizioni
Reggio Calabria. Non é stato in grado di riferire particolari il bambino di dieci anni ferito sabato scorso a Seminara nell'agguato in cui é stato ucciso Giuseppe Fabio Gioffré. Lo riferiscono, in una nota, i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Il bambino, sentito dai carabinieri negli "Ospedali riuniti" di Reggio Calabria, dove é ricoverato, si trovava nel momento dell'agguato accanto a Gioffrè, insieme al quale stava dando da mangiare ai maiali.
I medici, sempre secondo quanto riferiscono i carabinieri, si sono espressi oggi in termini ottimistici sulle sue condizioni di salute e sulle prospettive di guarigione, sciogliendo la prognosi. Il bambino, comunque, dovrà rimanere ricoverato ancora nel "Grande ospedale metropolitano Bianchi Melacrino Morelli" di Reggio Calabria per proseguire le cure.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa