Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: iniziato appello ex assessore lombardo Zambetti

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: iniziato appello ex assessore lombardo Zambetti

Processo rinviato a 21/3.Condannato a oltre 13 anni da Tribunale
Milano. Si è aperta ed è stata subito rinviata, dopo la relazione del giudice Piero Gamacchio, la prima udienza del processo di secondo grado a carico, fra gli altri, dell'ex assessore regionale lombardo Domenico Zambetti, condannato dal Tribunale di Milano a 13 anni e mezzo con l'accusa di aver comprato quattromila voti dalla 'ndrangheta per le regionali del 2010. La terza sezione penale della Corte d'Appello, presieduta da Oscar Magi, ha aggiornato l'udienza al prossimo 21 marzo per la discussione del sostituto pg Galileo Proietto. In primo grado i giudici della ottava sezione penale, presieduta da Luisa Balzarotti, hanno inflitto pene fino a 16 anni di carcere. Assolti Alfredo Celeste, ex sindaco di Sedriano, il primo comune del milanese che venne sciolto per mafia e il medico Marco Scalambra. Per i due è però stata disposta la trasmissione degli atti alla Procura, in relazione all'appalto per il verde a Sedriano, così come per Vincenzo Giudice, ex presidente del consiglio comunale di Milano all'epoca di Letizia Moratti e intercettato nell'ambito dell'inchiesta. Il Tribunale milanese, infliggendo pene superiori a quelle chieste dalla Procura, ha poi condannato a 12 anni Ambrogio Crespi, fratello di Luigi, l'ex sondaggista di Berlusconi, a 16 anni e mezzo Eugenio Costantino, referente della cosca Di Grillo-Mancuso e a 11 anni di carcere Ciro Simonte, ritenuto vicino a Costantino. Il pm Giuseppe D'Amico per Zambetti aveva proposto 10 anni di carcere in quanto non aveva ritenuto sussistente il concorso esterno in associazione mafiosa. Concorso che invece il Tribunale ha riconosciuto, assieme ai reati di corruzione e voto di scambio.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa