Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta e rifiuti, torna libero Luppino

Rassegna Stampa

'Ndrangheta e rifiuti, torna libero Luppino

luppino giuseppeIl legale, finito nell’inchiesta “Metauros” scarcerato dal Riesame
di AMDuemila
Prima i domiciliari, poi il carcere, infine la libertà. Giuseppe Luppino, avvocato del foro di Palmi finito in manette nell’operazione “Metauros”, condotta dalla Dda di Reggio Calabria, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, è stato scarcerato dal Tribunale del riesame di Reggio Calabria.
Una decisione presa dopo il ricorso dei difensori del legale che si erano opposti al regime di detenzione in carcere intervenuto lo scorso 2 novembre dopo che in un primo momento Luppino era stato sottoposto ai domiciliari.
Se quest’ultimo torna in libertà resta in cella Gioacchino Piromalli, l’altro avvocato indagato nell’indagine coordinata dalla Dda reggina. Il legale di Piromalli, il Riesame dovrebbe esprimersi sulla sua posizione la prossima settimana. Restano detenuti i fratelli Giuseppe e Domenico Pisano, mentre l’altro fratello, Paolo, è stato scarcerato per motivi di salute. Ai domiciliari anche Francesco Barreca e l’ex sindaco di Villa San Giovanni Rocco Lavalle. L’inchiesta “Metauros” ipotizza per la prima volta, il forte interesse del clan Piromalli per il business legato al “ciclo dei rifiuti”, avrebbe accertato come la costruzione e la gestione dell’unico inceneritore presente in Calabria, in contrada Cicerna a Gioia Tauro, abbia risentito del continuo condizionamento del clan Piromalli. La cosca secondo l’accusa farebbe capo in questo momento storico a Gioacchino Piromalli classe ’69 dopo gli arresti del boss Pino Piromalli e di suo figlio Antonio.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa