Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Agresta, ''carriera'' da boss stando in carcere

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Agresta, ''carriera'' da boss stando in carcere

Pentito parla al processo in corte Appello a Torino
Torino. Un'intera carriera nella 'ndrangheta fatta all'interno di un carcere. E' la storia di Domenico Agresta, 28 anni, ora pentito, così come l'ha raccontata ieri alla Corte d'appello di Torino in uno dei processi innescati dall'inchiesta Minotauro sulla presenza della criminalità organizzata in Piemonte. "Sono arrivato - ha affermato in videoconferenza - alla dote di 'Padrino', che è molto significativa. La parola di un padrino conta: se per esempio dal carcere dico che bisogna ammazzare qualcuno, quella
cosa va fatta. Mio padre, Saverio, diceva agli affiliati che io dovevo avere 'tutto'. E con 'tutto' intendeva la dote di Padrino". Agresta, il cui nonno fu "tra i fondatori della locale di Volpiano" e anche "responsabile della 'ndrangheta di tutto il Piemonte", fu affiliato come 'picciotto' nel 2008. Arrestato per l'omicidio di un piastrellista, Giuseppe Trapasso, fu condannato a 30 anni. Collaborando con la giustizia ha reso dichiarazioni anche sull'omicidio del magistrato torinese Bruno Caccia, avvenuto nel 1983.
Agresta fu affiliato nell'aprile del 2008, quando era a piede libero, in un orto nei pressi di Volpiano. "Mio cugino - ha raccontato - mi chiese, in qualità di 'capo giovane', cosa volessi; e io, come convenuto, risposi 'sangue e onore'. Era stato mio padre a mandare ambasciate in giro perché entrassi nella 'ndrangheta. Nella mia famiglia non sei considerato un 'uomo' nel vero senso del termine finché non sei affiliato". Dopo l'arresto, Agresta salì diversi gradini con dei rituali che, in segreto, si tenevano nelle carceri con i compagni di detenzione. Sull'omicidio Trapasso, Agresta ha reso delle dichiarazioni che hanno alleggerito la posizione di uno dei condannati, per il quale, come ha spiegato in aula la procura generale, è stato avviato l'iter verso la revisione del processo. 
 
ANSA
 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa