Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Klaus Davi dopo insulti sul web: per i calabresi la 'ndrangheta è una palla al piede

Rassegna Stampa

Klaus Davi dopo insulti sul web: per i calabresi la 'ndrangheta è una palla al piede

davi klausCatanzaro. "La 'Ndrangheta per il popolo calabrese è una palla al piede. Ricordiamo che la regione Calabria ha straordinarie potenzialità sia nel settore turistico che in quello agro-alimentare e anche in certi settori industriali. Per non parlare dell'artigianato, dove il genio calabrese è riconosciuto internazionalmente". Lo afferma in una nota il massmediologo Klaus Davi, oggetto di insulti omofobi nei giorni scorsi, come ha riportato il quotidiano Libero. "Lo Stato - prosegue - fa perfettamente il suo lavoro arrestando i mafiosi ma poi manca un vero progetto di ricostruzione. E di questo la 'Ndrangheta approfitta poiché mancano ancora le opportunità necessarie per impedire affiliazioni tra i giovani. Gli insulti omofobi comparsi in modo massiccio su quotidiani come 'Stretto Web' e 'Dispaccio' sono solo l'ultimo episodio di una occupazione del web da parte dei 'brand' di mafia. Abbiamo avuto gli episodi di Vincenzo Torcasio, di Emanuele Mancuso, di Giovanni Tegano e molti altri rampolli che hanno usato la rete per dare messaggi all'opinione pubblica. Sottovalutare queste strategie è un errore. Detto questo penso che le 'Ndrine siano in difficoltà e che la gente si sia stufata di loro. I cancri si chiamano Labate, Piromalli, Pesce, De Stefano, Tegano".

illametino.it

'Ndrangheta. Bianchi: "Insulti omofobi a Klaus Davi non rappresentano spirito accoglienza calabresi"

Roma. “Gli insulti omofobi e le aggressioni da parte di esponenti delle famiglie di ‘Ndrangheta nei riguardi di Klaus Davi non rappresentano affatto lo spirito e la cultura dell’accoglienza intrinseci nel DNA del popolo calabrese”. A dirlo è Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo e deputato di Alternativa Popolare, in merito alla notizia riportata dal quotidiano Libero.
“Come sottolinea anche  il sostituto procuratore della DDA di Reggio Calabria Roberto di Palma, – aggiunge – si tratta di una sottocultura che si sente accerchiata e colpita dai successi dello Stato e reagisce con volgarità becere e con aggressività malcelando un meccanismo di autodifesa. A Klaus Davi va tutta la mia solidarietà. Il suo lavoro in Calabria, insieme a quello di numerosi altri giornalisti come Michele Albanese o Riccardo Giacoia, è rispettabilissimo ed è un alleato importantissimo per lo Stato che sul territorio sta ottenendo risultati senza precedenti. Basti pensare alle recenti catture di Vincenzo Macri e di Giuseppe Giorgi grazie all’incessante lavoro della magistratura e delle forze dell’ordine”.

telemia

A Klaus Davi la piena solidarietà di tutta la redazione di Antimafia Duemila

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta