Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: bombe Reggio C.; scadono termini, libero autore

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: bombe Reggio C.; scadono termini, libero autore

carcere apertoScarcerato Antonio Cortese accusato da boss pentito Lo Giudice
Reggio Calabria. Torna in libertà il presunto autore degli attentati compiuti alla Procura generale di Reggio Calabria del 3 gennaio 2010 ed alla casa del procuratore generale Salvatore Di Landro, del 26 agosto successivo. La Corte d'Appello di Reggio Calabria, infatti, ha disposto la scarcerazione di Antonio Cortese, di 55 anni, difeso dall'avv. Giuseppe Nardo, per scadenza massima dei termini di custodia cautelare. Cortese, che era detenuto nel carcere milanese di Opera, era accusato anche di avere piazzato un bazooka vicino alla sede della Dda reggina come atto intimidatorio nei confronti dell'allora procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone. Per questi fatti e' stato condannato a 5 anni e otto mesi di reclusione ed e' in attesa del processo d'appello che inizierà a Catanzaro il maggio prossimo. L'uomo stava scontando anche una condanna a 12 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa ed estorsione. Per questa seconda condanna era in attesa del verdetto della Cassazione. Cortese, arrestato il 20 ottobre 2010 al confine sloveno mentre faceva rientro in Italia dalla Romania per la vicenda delle bombe di Reggio, è indicato dagli inquirenti come esponente della cosca Lo Giudice e uomo di fiducia del capo clan pentito Antonino Lo Giudice. Era stato proprio quest'ultimo, che si era autoaccusato di essere il mandante della stagione delle bombe reggine, a chiamarlo in causa come l'autore materiale degli attentati. Ruolo che Cortese ha sempre respinto.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa