Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ''Recherche''. De Raho: ''Chiuso un cerchio ma la lotta non finisce qui''

Rassegna Stampa

''Recherche''. De Raho: ''Chiuso un cerchio ma la lotta non finisce qui''

de raho federico cafiero 1di Grazia Candido
La Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria chiude un altro cerchio con l’operazione “Recherche” che ha portato all’arresto di Rocco Pesce, figlio di Marcello, componente del primo livello della filiera di comunicazione con il latitante e di 11 presunti fiancheggiatori del boss della cosca Pesce di Rosarno. Era Rocco che, seguendo le direttive del padre, “si occupava del controllo e del coordinamento delle attività delittuose mantenendo i rapporti con gli altri affiliati e con gli esponenti di vertice di altre cosche”, affermano il Procuratore Capo della Dda Federico Cafiero De Raho e l’aggiunto Gaetano Paci che, questa mattina insieme al questore Raffaele Grassi, nella sala Calipari, hanno messo in evidenza “l’ottimo lavoro degli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato che, attraverso intercettazioni telefoniche, ambientali, telematiche e di videosorveglianza, hanno fatto luce sulle condotte criminali dal gruppo facente capo a Marcello Pesce e, più in generale, all’intera cosca”.
E’ un’operazione che ha assicurato alla giustizia 12 esponenti di rilievo della cosca e l’esito dell’arresto di Marcello Pesce che l’ha presa in mano e portata avanti nelle varie direzioni criminali da un lato, e delle attività economiche dall’altro, segna sicuramente un buon risultato perché è stato bloccato il controllo di questi soggetti sul settore specifico in cui si sono inseriti: il trasporto su gomma - afferma il procuratore capo De Raho - La cosca in realtà, non ha bisogno di rafforzarsi perchè è presente sul territorio e, nonostante i numerosi arresti, continua ad avere una propria organizzazione, una struttura operativa. Oggi, sono tanti gli elementi che, ancora in libertà, si muovono per la cosca. Certo, ogni volta che si riesce ad acquisire un quadro indiziario di coloro che operano per la criminalità organizzata e si procede all’arresto, si ferma un processo criminale che cerca sempre di affermare il suo potere”.
Il procuratore si sofferma su un aspetto “sorprendente” e non nasconde la sua preoccupazione: “Oggi, era presente una folla numerosa che aspettava fuori gli arrestati - conclude De Raho - Sembrava di essere tornati agli anni ‘70/’80 in cui gli appartenenti alla cosca andavano a salutare i vertici tratti in arresto. Questo è un segnale non certo positivo. Si chiude un cerchio ma la lotta non finisce qui”.
Dalle indagine è risultato un forte attivismo criminale della cosca che si “dedicava” soprattutto alle attività di illecita mediazione nel settore del trasporto merce per conto terzi, storicamente di competenza dell’articolazione della cosca Pesce facente capo al boss Marcello Pesce. Centrale in tutti questi ambiti era anche la figura di Filippo Scordino, luogotenente di Marcello Pesce e persona di estrema fiducia del figlio Rocco, che è risultato il principale gestore della “Agenzia di Rosarno”, agenzia di mediazione del trasporto merci su gomma attraverso la quale il settore era monopolizzato dallo stesso Marcello.
Quello che si evince di più a parte l’articolazione della rete del latitante Pesce Marcello, è l’organismo criminale imprenditoriale che lo stesso era riuscito a creare per il tramite del figlio Rocco con il quale riusciva a gestire il comparto del trasporto su gomma degli agrumi di Rosarno in tutto il territorio nazionale - aggiunge il capo della Squadra mobile RC Francesco Rattà - I prodotti agrumicoli di Rosarno sono stati trasportati dalla flotta di autocarri facenti capo a Marcello Pesce, 40 autocarri del patrimonio aziendale di 8 società con sede a Rosarno e in Emilia Romagna, sequestrati in giornata”.
Fra gli arrestati nell’operazione vi sono diversi fiancheggiatori che curavano e gestivano la latitanza di Marcello Pesce, fungendo da “vivandieri”, assicurandone i collegamenti con gli altri membri della cosca e, più in generale, con i familiari, procurando loro appuntamenti con soggetti terzi o riportando loro e per loro conto le cosiddette “imbasciate”.
Le attività investigative svolte hanno visto l’impiego di strumentazioni e tecniche altamente sofisticate tant’è che abbiamo potuto documentare durante uno spostamento del latitante, l’uso di un cordone di macchine, ben 6 veicoli. Questo dà il senso di quanto la cosca e gli stessi riferimenti di essa si sentissero sicuri nell’area di Rosarno - conclude il dirigente prima divisione Sco Vincenzo Nicoli - Ma c’è un lato positivo in questa vicenda e i cittadini lo devono sapere: la Polizia di Stato è capace di intervenire e fermare chi pensa di poter sempre farla franca”.

strill.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa