Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: Gratteri, nuove leve organizzate come locale

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Gratteri, nuove leve organizzate come locale

Bombardieri: reggente gestiva affari da carcere, importante 41bis
CATANZARO. "Nonostante i colpi inferti negli anni scorsi con le importanti operazioni coordinate dalla Dda di Catanzaro, la cosca Giampà era riuscita a riorganizzarsi affiliando nuove leve all'organizzazione". Lo ha detto il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri incontrando i giornalisti per illustrare i particolari dell'operazione "Nuove leve".
"Si erano strutturati - ha aggiunto - secondo il modello tipico del locale di 'ndrangheta, con tanto di bacinella e contabile dell'organizzazione".
A riorganizzare il clan con il ruolo di reggente sarebbe stato Domenico Giampà, unico del gruppo storico a non essere detenuto al 41bis. "Tramite i colloqui in carcere - ha spiegato il procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri - disponeva le nuove affiliazioni, conferiva le doti e indicava gli obiettivi da colpire. Questo dimostra l'importanza del regime carcerario al 41bis. L'operazione di oggi e' importante perché dimostra la costante attenzione della Dda di Catanzaro verso la città di Lamezia che adesso ha la possibilità di ribellarsi e creare le condizioni per la 'legalizzazione' del territorio".
Il capo della Squadra mobile di Catanzaro Antonino De Santis ha evidenziato la pervasività dell'azione criminale del gruppo delle nuove leve. "Imponevano il pizzo a imprenditori e commercianti - ha detto - e costringevano anche gli ambulanti della fiera di San Giovanni a versare 50 euro".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa