Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta, in manette due esponenti cosca Trapasso

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, in manette due esponenti cosca Trapasso

Tommaso e Giuseppe Trapasso si erano resi irreperibili in occasione della operazione 'Borderland' coordinata dalla Dda
Erano sfuggiti alla cattura nel corso degli arresti dell’operazione “Borderland”, portata a compimento dalla squadra Mobile di Catanzaro, coordinata dalla Dda del capoluogo, il 29 novembre scorso. Il 'cassiere' della cosca di San Leonardo di Cutro, Tommaso Trapasso, 38 anni, e Giuseppe Trapasso 30 anni, altro esponente di spicco della omonima cosca di ‘ndrangheta attiva tra tra le provincie di Catanzaro e Crotone e in particolare nei comuni di Sellia Marina, Cropani, Botricello, Sersale, e Cutro, sono stati arrestati, venerdì pomeriggio, dagli agenti della polizia di  Stato. I due fratelli provenivano dalle campagne circostanti San Leonardo e si sono spontaneamente consegnati agli agenti che stavano eseguendo operazioni di perquisizione domiciliare nelle loro abitazioni. Tommaso e Giuseppe Trapasso si erano resi irreperibili in occasione della operazione 'Borderland' nel corso della quale erano finiti in manette anche il padre Giovanni Trapasso, capo carismatico della cosca ed il fratello Leonardo, alter ego del boss. Le indagini della Squadra mobile, relative all’operazione 'Bordeland' avevano permesso di individuare in particolare Tommaso Trapasso quale “cassiere” della cosca, a capo di attività finanziarie ed economiche anche fuori regione con compiti di rappresentanza del clan di appartenenza anche all’esterno.  A quest’ultimo è stato, inoltre, notificato il provvedimento di sequestro preventivo dei beni emesso dalla Procura della Repubblica di Catanzaro e già eseguito nel corso dell’operazione “Bordeland”.

ilVelino/AGV NEWS

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa