Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta, Giovanni Tegano fa causa a Klaus Davi

Rassegna Stampa

'Ndrangheta, Giovanni Tegano fa causa a Klaus Davi

klaus davi occhialiGiovanni Tegano, figlio di Bruno, e nipote dell'omonimo Giovanni, noto alle cronache come 'uomo di pace' nonché punto di riferimento dell'omonimo clan, secondo quanto risulta al Dispaccio da ambienti della Procura di Messina,  ha presentato una denuncia-querela per diffamazione a mezzo stampa nei riguardi del massmediologo italo svizzero.

La denuncia risalirebbe al 20 settembre, oltre un mese dopo lo scambio di lettere fra Davi e lo stesso Tegano che animò un dibattito che aveva coinvolse firme nazionali come Riccardo Bocca de l' Espresso, Angela Esposito di Libero e Gianluigi Paragone de La 7 e lo stesso Massimo Giletti con cui Davi collabora da 10 anni.

Secondo quanto risulta al Dispaccio , Giovanni si sarebbe sentito diffamato dalla missiva del massmediologo che lo prendeva di mira per aver postato animosi insulti e attacchi a pentiti, carabinieri e polizia sul suo profilo FB https://www.youtube.com/watch?v=wNb6z1dHd44.

Una denuncia che appare singolare nei tempi ma anche nei modi dato che è stato lo stesso Tegano, tramite il legale Pasquale Reitano, a solidarizzare pubblicamente con Klaus per le minacce di morte subite, come riportato da numerosi giornali, all'indomani della diffusione della lettera, e per cui pende una indagine della procura reggina.

Un atto forte che ridarà vigore alla 'strategia delle tensione' fra il giornalista e le famiglie del quartiere Archi di Reggio Calabria. Ultimo episodio : un lancio di uova avvenuto sotto casa di Luigi Molinetti, presunto killer del clan, solo settimana scorsa, messo in atto da parte di ignoti, probabilmente irritati dalla continua presenza della troupe del massmediologo che da mesi è sulle tracce di 'Gino la Belva' ,accusato e poi assolto per insufficienza di prove di aver ucciso il magistrato Antonino Scopelliti e ora libero.

Raggiunto telefonicamente dal Dispaccio, Davi ha confermato la notizia " confermo quanto avete appreso. Sono stato contattato dalla Procura di Messina e ho fornito le mie generalità, come da richiesta . Da quello che ho inteso ora il Pubblico Ministero deciderà se procedere o meno, e se indagarmi. Francamente mi stupisce questa scelta di Tegano. Dopo lo scambio di lettere ci eravamo parlati via fb e lui non aveva fatto cenno alla cosa. Aggiungo che l ho incrociato proprio settimana scorsa in un bar di Archi, accompagnato da un altro ragazzo, e – riconosciutolo – lo avevo salutato ma lui non mi ha risposto ed è uscito dal bar dopo avermi visto. Questa comunque è la condizione di decine di cronisti in Calabria e nelle terre difficili. Una condizione non risolta e che i politici si guardano bene dall'affrontare occupati come sono con le loro riunioni di partito e la spartizione del potere. I casi sono innumerevoli da Claudio Cordova a Enza Dall'acqua, da Agostino Pantano e molti altri. Io sono solo l' ultima ruota del carro, e la notizia non meriterebbe rilievo, se non fosse che a prendere questa rumorosa iniziativa è stato il giovane Tegano. L'editoria langue, i giornalisti subiscono vessazioni e minacce, e la politica, dalla sua privilegiata condizione, dorme. Questa è l'Italia!".

ildispaccio.it

Il nostro è davvero un Paese al contrario dove simili episodi possono accadere impunemente. La piena solidarietà a Klaus Davi nella speranza che un giudice possa ristabilire l'ordine delle cose.
La Redazione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta