Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Cosca Crea, confiscati beni per 500mila euro alla figlia del boss Teodoro

Rassegna Stampa

Cosca Crea, confiscati beni per 500mila euro alla figlia del boss Teodoro

Sequestrata una villa lussuosa a Rizziconi e una polizza assicurativa, intestati a Marinella Crea
Reggio Calabria. Confiscata una villa lussuosa nel comune di Rizziconi e una polizza assicurativa, stimati per il valore di circa 500mila euro. Entrambi risultano intestati a Marinella Crea, 40enne figlia di Teodoro (77 anni), che gli investigatori considerano il “capo storico” della potente e pericolosa cosca di ‘ndrangheta dei Crea, attiva nella piana di Gioia Tauro. La polizia di Reggio Calabria ha posto i beni in sequestro eseguendo un provvedimento emesso della Sezione Misure di prevenzione del Tribunale.

La misura nasce da una proposta avanza dal Questore della provincia dopo che gli uomini della divisione anticrimine hanno volto un’articolata indagine patrimoniale. Investigazioni che sono la naturale evoluzione di quelle condotte dalla Squadra Mobile, e coordinate dalla DDA, che il 4 giugno del 2014 portarono all’arresto di 16 persone accusate di associazione di stampo mafioso, estorsione aggravata, intestazione fittizia di beni e truffe alla Comunità Europea. Tra i destinatari di quel provvedimento, oltre a Teodoro Crea e buona parte del suo nucleo familiare, risultano anche altre persone considerare esponenti di spicco della ‘ndrina: Antonio Crea, detto “uMalandrinu” e Domenico Crea detto “Scarpa Lucida”, parenti di Teodoro. L’inchiesta ha coinvolto anche tre ex amministratori del Comune di Rizziconi.

Secondo gli investigatori le indagini avrebbero dunque evidenziato l’assoluta egemonia della cosca Crea sul territorio, tanto da definirla come una vera e propria “signoria”, sia per quanto riguarda le attività criminali tradizionali che per la capacità di condizionare la vita pubblica, tanto da determinare, nel 2011, lo scioglimento del Consiglio Comunale di Rizziconi.

quicosenza.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa