Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: scarcerato presunto boss Pasquale Bonavota

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: scarcerato presunto boss Pasquale Bonavota

Pasquale Bonavota, ritenuto dalla Dda di Catanzaro il capo dell’omonimo clan di Sant’Onofrio, lascia Regina Coeli, il carcere romano dove era detenuto dopo che era stato arrestato insieme ad altre quattro persone destinatarie del decreto di fermo di indiziato di delitto con l’accusa di omicidio, detenzione di armi, tentata estorsione, danneggiamento. Il gip del tribunale romano, a seguito dell’interrogatorio sostenuto dall’indagato con l’assistenza dei suoi legali, gli avvocati Tiziana Barillaro e Franco Muzzopappa non ha convalidato il fermo e non ha emesso alcun altro provvedimento ritenendo evidentemente insussistenti le prove a carico di Bonavota. Rimangono in carcere, invece, il fratello del presunto boss, Domenico considerato il capo dell’ala militare del clan, Giuseppe Lopreiato e Onofrio Barbieri. Il gip di Vibo Valentia, Gabriella Lupoli, ha convalidato il fermo e ha emesso una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, dichiarandosi poi territorialmente incompetente e trasferendo gli atti al pm distrettuale di Catanzaro che dovra’ ora sottoporre il fermo al gip per l’eventuale emissione di una nuova ordinanza. Non convalidato il fermo nei confronti di Domenico Febbraro, l’altro indagato nell’inchiesta “Conquista”, che pero’ rimane in carcere per come disposto dal gip vibonese. Nel corso degli interrogatori tutti gli indagati, ad eccezione di Febbraro che si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere, hanno respinto le accuse mosse nei loro confronti. Resta ancora attivamente ricercato Nicola Bonavota, che e’ riuscito a sfuggire al blitz dei carabinieri.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa