Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Mafia: pentito, boss De Stefano disse no a Riina su stragi

Rassegna Stampa

Mafia: pentito, boss De Stefano disse no a Riina su stragi

uomo di spalleCollaboratore in processo Reggio, 'ci fu incontro a Vibo'
Reggio Calabria. Il boss della 'ndrangheta Giuseppe De Stefano si rifiutò di fornire collaborazione alla mafia che stava per avviare la stagione delle stragi del '93. Lo ha detto il pentito Antonino Fiume, deponendo nel processo che si celebra a Reggio Calabria per gli aiuti alla latitanza dell' ex parlamentare di Fi Amedeo Matacena, rifugiato a Dubai dopo una condanna a 3 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Fiume conosce bene De Stefano perché fu suo autista e spalla destra dopo essere stato per molti anni fidanzato della sorella. "Peppe De Stefano - ha detto il pentito rispondendo alle domande del pm della Dda reggina Giuseppe Lombardo sulle attività del boss - era conosciuto da tutti, qui o a Milano. Aveva poco più di venti anni quando in contrada 'Badia' di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, regno dei Mancuso, agli inizi degli anni '90, in presenza degli stessi Mancuso, di Pino Piromalli e dei rappresentanti della camorra napoletana, negò agli emissari di Salvatore Riina ogni aiuto o coinvolgimento nella cosiddetta 'strategia contro lo Stato'. Non la pensava come lui Franco Coco Trovato, attivo in Lombardia, nonché suocero di Carmine De Stefano, fratello di Peppe, che voleva invece si facesse qualcosa”.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa