Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: scoperto arsenale a Monza, arrestato il ''boss invisibile'' e altre due persone

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: scoperto arsenale a Monza, arrestato il ''boss invisibile'' e altre due persone

I Carabinieri di Monza e Brianza hanno arrestato tre persone con l’accusa di associazione mafiosa, detenzione di armi, detenzione di stupefacenti e calunnia aggravata. Si tratta di Paolo De Luca, 46enne di Seregno, ritenuto legato alla cosca Stagno di Monza e con legami diretti con la potente famiglia Mancuso di Limbadi, Vibo Valentia, e con i Gallace di Guardavalle; di una donna 70enne di Seregno e del figlio di 34 anni, imprenditore del posto.

I militari sono arrivati a De Luca dopo la scoperta di un arsenale - composto da due fucili, un Ak74, una mitraglietta con silenziatore e due pistole, alcune con matricola abrasa - nell’abitazione della donna e del 34enne. I due in un primo momento si erano intestati la paternità delle armi, poi hanno ritrattato accusando una persona del posto estranea ai fatti. Da qui la denuncia per calunnia aggravata dalla volontà dei due di proteggere De Luca.

Paolo de Luca, definito il "boss invisibile" perché anche in operazioni consistenti come la "Infinito" era sempre uscito pulito, era noto alle forze per i suoi presunti rapporti diretti con la cosca Mancuso di Limbadi e la sua organicità al clan Stagno, affiliato dei vibonesi in Brianza, a Giussano, ai quali sarebbe legato tramite un "sangiuanni", ovvero la cresima del figlio di Antonio Stagno, avvenuta nel 2005.

Secondo la tesi degli inquirenti il 46enne, nello specifico, avrebbe curato gli interessi della cosca vibonese in Brianza dopo essersi conquistato la loro fiducia riferendo di violazioni del codice mafioso da parte dei Cristello, opposti agli Stagno.

Dal 2008 l'uomo non lavorava ma curava la security di alcuni locali notturni della zona garantendo il controllo del territorio.

cn24tv.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa