Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ‘Ndrangheta, processo Acero: richieste pene pesanti

Rassegna Stampa

‘Ndrangheta, processo Acero: richieste pene pesanti

tribunale toga webPer il pm i 37 imputati sarebbero vicini ai clan della Locride (RC) Aquino-Coluccio e Commisso
Reggio Calabria. Sono pene pesanti quelle invocate dal pm Antonio De Bernardo per i 37 imputati del procedimento ‘Acero’ che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato. Fra loro, c’è anche Antonio Stefano, luogotenente degli Aquino-Coluccio, finito al centro dell’inchiesta che ha svelato l’infiltrazione della ‘ndrangheta in Expo. Per lui, il pm De Bernardo ha chiesto 20 anni di carcere. Medesima pena è stata invocata per Salvatore Coluccio, Giuseppe Coluccio, Francesco Commisso (cl. 56), Antonio Commisso (cl. 56), Carmelo Bruzzese, Angelo Figliomeni (cl. 62), Cosimo Figliomeni (cl. 65), Antonio Figliomeni e Domenico Ruso (cl. 45). Diciotto anni di carcere sono stati chiesti invece per Nicola Coluccio, Alfonso Condino, Vincenzo Crupi e Nicola Tassone, mentre è di 16 anni di detenzione la pena invocata per Domenico Aquino, Francesco Cannizzaro, Michele Mazza e Francesco Tavernese. Per il pm, dovrebbero essere invece condannati a 14 anni Luciano Bellamina, Stefano Pizzato e Marco Salvatore Tropeano, mentre è di 12 anni di carcere la pena chiesta per Giuseppe Crupi. E’ invece di 10 anni la condanna chiesta per Antonio Archinà, Domenico Barranca, Salvatore Barranca, Rocco Natale Crupi e Massimo Dalla Valle, mentre sono 6 gli anni di carcere invocati per Maria Teresa Commisso, Antonio Crupi, Francesco Crupi, Federico Ercolani, Giorgio Gullone, Susanna Ieraci, Michele Sorbara, Antonio Strangio (cl. 82), Giuseppe Strangio (cl. 79) e Christian Tassone. Per l’accusa, sono tutti a vario titolo affiliati o vicini ai clan Aquino-Coluccio e Commisso, storiche famiglie di ‘ndrangheta della Locride.

ilVelino/AGV NEWS

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa