Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: procura di Reggio indaga su minacce di morte a Klaus Davi

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: procura di Reggio indaga su minacce di morte a Klaus Davi

klaus davi occhialide Raho: il suo giornalismo lo espone a pericoli
E’ bastata una lettera sul suo profilo Facebook di Klaus Davi, volto noto del programma l’Arena di Rai Uno, indirizzata al nipote di uno tra i più feroci esponenti della storia della ‘Ndrangheta - Giovanni Tegano - al fine di esortarlo a dissociarsi dalla sua famiglia, per scatenare sul web e sui social network una reazione violentissima degli ambienti vicini ai clan 'ndranghenstisti più potenti. Davi, è stato oggetto di insulti violenti e omofobi e anche di diverse minacce di morte, postati con nome e cognome su molti siti e su Facebook, spesso per mano di alcuni presunti affiliati, con procedimenti giudiziari in corso.

Inequivocabile il significato di alcuni post: "Ma sto pezzo di merda ancora che rompe le palle... spero davvero che qualcuno dia di matto e ti gonfi la faccia come una mongolfiera... brutto cesso", e poi: "pagliaccio", "spione", "non dimenticate che zio Totò (Riina) dice sempre 'pace all'anima sua'..." e i sessisti: "fatti un negro", "frocio di merda", fino a giungere a: "Se vieni in Calabria ti distruggiamo".

Da quanto apprende il quotidiano on line Affari Italiani, la Procura di Reggio Calabria, guidata da Federico Cafiero de Raho, sta indagando da diverse settimane sulla natura di queste minacce e le indagini sono ancora in corso. Lo stesso De Raho aveva espresso preoccupazione per l'incolumità di Klaus Davi durante i suoi viaggi in Calabria, in occasione di un intervento alla Camera dei Deputati lo scorso 19 maggio: "Quello di Davi è un giornalismo che potrebbe suscitare reazioni dei clan per questo, senza che lui lo sappia, lo facciamo seguire ovunque da polizia e carabinieri”.

affaritaliani.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa