Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: omicidio Curcio, arrestati i cugini Gagliardi

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: omicidio Curcio, arrestati i cugini Gagliardi

I cugini, Bruno Gagliardi, 42 anni, e il suo omonimo di 50 anni sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Catanzaro su richiesta della Procura ed eseguita dalla polizia di Stato, in quanto ritenuti i corresponsabili dell’omicidio, aggravato dal metodo mafioso, di Gennaro Curcio, 47 anni.
Il fatto di sangue è avvenuto il 17 agosto 1995, all’interno di una rivendita di autoricambi di Nocera Terinese, in provincia di Catanzaro. Secondo gli inquirenti, all’epoca, i cugini Gagliardi facevano parte di un gruppo emergente che tentava di affrancarsi dalla cosca di ‘ndrangheta Bagalà, egemone sui traffici illeciti dei Comuni del litorale lametino, sotto il diretto controllo della cosca Iannazzo di Lamezia Terme. Curcio, invece, era considerato il diretto referente della cosca Bagalà.
Le indagini condotte dalla Squadra mobile si sono sviluppate sulla base delle recenti dichiarazioni del pentito Gennaro Pulice. Quest’ultimo ha confessato di essere stato l’autore materiale dell’omicidio. Secondo quanto emerso dall’attività investigativa, inoltre, il 42enne Gagliardi è stato individuato come la persona che ha accompagnato il killer sul luogo del delitto, mentre al cugino 50enne è stata attribuita l’organizzazione dell’agguato.
L’omicidio s’inquadra nel progetto del gruppo di ‘scissionisti’, che era intenzionato a scalzare i Bagalà, egemoni sulle estorsioni nei Comuni di Falerna, Gizzeria e Nocera Terinese. Facevano parte del gruppo, oltre a Pulice e ai due indagati, i cugini Gagliardi, anche Gianfranco Noberti, Giovanni La Polla e Salvatore Ruberto, entrambi, questi ultimi, uccisi in quella che viene ricordata come la ‘strage di Sambiase’ avvenuta il 29 settembre 1995 a Lamezia Terme. La ‘strage’ rappresentò la risposta delle cosche dominanti all’omicidio Curcio e mise fine alle mire espansionistiche del gruppo emergente.
Il 50enne Gagliardi è stato rintracciato con l’ausilio della Squadra mobile di Novara (provincia nella quale è residente) a Milano, presso una struttura sanitaria dove era ricoverato per accertamenti medici ed è stato trasferito nel carcere di San Vittore. All’altro cugino, invece, 42enne invece è stato notificato il provvedimento nel carcere di Terni, dove è detenuto a seguito delle contestazioni per associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione ‘Andromeda’.

strill.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa