Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Procuratore Macrì: ''Cosa Nuova emerse già in Olimpia, polemiche contro pentiti erano interessate''

Rassegna Stampa

Procuratore Macrì: ''Cosa Nuova emerse già in Olimpia, polemiche contro pentiti erano interessate''

macri vincenzoRoma. "La 'ndrangheta si è evoluta rapidamente a partire dagli anni Novanta ma le fondamenta dell'inchiesta Mammasantissima affondano nel passato e soprattutto nell'operazione "Olimpia", la più grande operazione sulla ndrangheta fatta da una Dda calabrese. Quell'operazione portò a processo oltre 280 imputati, si concluse con condanne per centinaia di anni di reclusione e 60 ergastoli. Da quella operazione se ne diramarono altre, ciascuna delle quali comportò molte condanne e decine di ergastoli. L'individuazione di "Cosa Nuova" nasce con l'operazione "Olimpia" sulla base di dichiarazioni di vari collaboratori di giustizia, fu una stagione felice per le collaborazioni da parte di personaggi che erano appartenuti alla ndrangheta". A parlarne, alla trasmissione "I fatti in diretta", è Vincenzo Macrì, procuratore generale di Ancona, per anni pm della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Tra i collaboratori che dettero informazioni utili, Macrì cita il pentito Gaetano Costa: "fu di grande aiuto perchè parlò della costituzione di Cosa Nuova".

"In sostanza "Cosa Nuova" - spiega Macrì - era una nuova struttura associativa, soprattutto proiettata all'esterno, con collegamenti sia con le altre mafie, soprattutto la siciliana, sia con altri poteri occulti come massoneria, politica e servizi segreti. Dopo una troppo lunga pausa, "Olimpia" è stata ripresa con intelligenza e impegno. I risultati confermano che i collaboratori di allora avevano detto tutto già allora. I pm di oggi li hanno reinterrogati, avendo conferme aggiornate di quel che avevano dichiarato allora. Le polemiche che ci furono nei confronti dei collaboratori, che secondo alcuni erano strumentalizzati, erano interessate: si temeva molto di quel che i collaboratori potevano dire sul rapporto tra mafia e istituzioni statali, compresa quella giudiziaria", conclude Macrì.

lametino.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa