Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: beni per 35 mln sequestrati a clan Reggio Calabria

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: beni per 35 mln sequestrati a clan Reggio Calabria

Reggio Calabria. Beni del valore complessivo di 35 milioni di euro sono stati sequestrati a Reggio Calabria dagli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza che hanno agito sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica. Le Fiamme Gialle hanno eseguito una serie di decreti di sequestro emessi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale reggino nei confronti di presunti appartenenti al "direttorio" del cartello mafioso guidato dalle famiglie De Stefano-Condello- Tegano e alle cosche della 'ndrangheta Araniti, Rosmini e Serraino, responsabili, a vario titolo, secondo le accuse, di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto di materiale esplosivo, intestazione fittizia di beni e rivelazione del segreto d'ufficio.
Con i provvedimenti eseguiti oggi, secondo quanto rende noto la procura distrettuale antimafia, e' stata disposta l'applicazione della misura di prevenzione del sequestro del patrimonio aziendale di diverse imprese e di quote societarie, nonche' di beni immobili e mobili registrati e di rapporti finanziari e assicurativi.
L'operazione, denominata "Tnt coffee", rappresenta l'epilogo dele indagini svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria-Gico nei confronti dei soggetti che erano stati destinatari di misure cautelari nell'ambito dell'operazione "Sistema Reggio", condotta dalla Questura di Reggio Calabria nello scorso marzo. L'indagine, quest'ultima, aveva avuto origine dal grave attentato diamitardo del febbraio 2014 ai danni del Bar Malavenda, noto esercizio commerciale del quartiere Santa Caterina di Reggio Calabria. Dalle indagini era emerso che gli esponenti delle cosche avevano costituito e gestito, direttamente o per interposta persona, una serie di attivita' economiche operanti in diversi settori imprenditoriali, attribuendone la titolarita' formale a prestanome, al fine di eludere i controlli delle forze dell'ordine e le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione.

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa