Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Reggio Calabria, 'ndrangheta: confisca per 30 milioni a noto imprenditore del settore della grande distribuzione

Rassegna Stampa

Reggio Calabria, 'ndrangheta: confisca per 30 milioni a noto imprenditore del settore della grande distribuzione

dia web4Confisca dei beni societari nei confronti di Giuseppe Crocè, 69 anni, imprenditore nel settore della grande distribuzione, in affari con la figlia Fortunata Barbara, 38 anni
di Filomena Fotia
La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria ha disposto la confisca dei beni societari nei confronti di Giuseppe Crocè, 69 anni, imprenditore nel settore della grande distribuzione, in affari con la figlia Fortunata Barbara, 38 anni. I provvedimenti sono stati eseguiti da personale del Centro Operativo DIA e della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. L’uomo, spiega una nota della Dia, è stato oggetto di due ordinanze di custodia cautelare, rispettivamente emesse dal Tribunale di Reggio Calabria nel 2012 e nel 2013. La prima condotta dalla Dia di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione ”Assenzio”, che lo vedeva indiziato di partecipare, insieme con un altro noto imprenditore reggino, Domenico Giovanni Suraci, già socio di Crocè in alcune iniziative commerciali. I due sarebbero responsabili di gravi truffe in danno dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche e di svariate condotte di evasione fiscale.
La seconda ordinanza invece era stata emessa nell’operazione ”Sistema”, condotta dai Carabinieri di Reggio Calabria, nella quale veniva contestato sia a Crocè che alla figlia il reato di concorso esterno in associazione mafiosa – in particolare alla cosca Tegano-De Stefano, al fine di favorirne gli interessi economici nel settore della grande distribuzione. Il provvedimento restrittivo era stato poi annullato dal Tribunale del Riesame. Nel processo tuttora in corso ”Assenzio – Sistema”, in cui sono confluite le risultanze investigative di entrambe le operazioni, l’uomo e la figlia risultano essere stati rinviati a giudizio il 29.07.2013 dal GUP presso il Tribunale di Reggio Calabria. La confisca odierna scaturisce dai meticolosi accertamenti posti in essere dalla DIA reggina che ha ricostruito l’illecita formazione dell’ingente patrimonio societario dei Crocè, nonché dalle risultanze di accertamenti fiscali-tributari compiuti dalla Guardia di Finanza reggina che hanno corroborato le risultanze delle indagini. Il tutto sotto l’egida della locale Procura Distrettuale. Nei confronti delle aziende gestite dai Crocè si ravvisava sia una consistente sproporzione tra investimenti effettuati e redditi dichiarati, sia una evidente espansione societaria, frutto di attività illecite. Con l’odierno provvedimento sono state sottoposte a confisca il capitale sociale e il patrimonio aziendale di 4 società di capitali operanti nel settore della grande distribuzione e diversi rapporti finanziari. Il valore dei beni sottoposti a confisca è di circa 30 milioni di euro. Nei confronti dell’uomo, essendo stata ravvisata dal Collegio giudicante sia una pericolosità sociale qualificata che generica è stata inflitta la misura della sorveglianza speciale per 4 anni, mentre alla figlia, essendo stata riconosciuta solo la pericolosità generica è stata inflitta la misura della sorveglianza speciale per la durata di 2 anni. Le aziende confiscate proseguono ora la loro attività con appositi amministratori giudiziari nominati dall’Autorità giudiziaria.

strettoweb.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa