Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ''Locale'' di Pellaro, scatta il sequestro ai beni di Giovanni e Paolo Franco

Rassegna Stampa

''Locale'' di Pellaro, scatta il sequestro ai beni di Giovanni e Paolo Franco

I Carabinieri di Reggio Calabria, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla I Sezione della Corte di Appello di Reggio Calabria, su proposta della Procura Generale, hanno proceduto al sequestro beni ai fini della confisca, per un valore stimato di circa 5 milioni di euro, riconducibili al patrimonio di Giovanni Franco, 69 anni, e del nucleo familiare, tra cui il figlio Paolo, 37 anni.
Entrambi sono attualmente detenuti e ritenuti appartenenti alla “locale di ‘ndrangheta” che opera nella frazione di Pellaro. Padre e figlio vennero arrestati 16 gennaio del 2007 per associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti nell’ambito dell’operazione “Chalonero”. Giovanni, è stato condannato alla pena di 11 anni e 4 mesi di reclusione per il reato associativo con una sentenza definitiva della Corte di Appello di Reggio, nel maggio 2010, divenuta poi irrevocabile il 16 febbraio del 2012; Paolo, nell’ambito dell’operazione “Antibes”, il 25 gennaio scorso è stato invece sottoposto a fermo di indiziato del delitto di associazione di tipo mafioso, con la contestazione di aver gestito la precedente latitanza del padre.
Il provvedimento di oggi scaturisce dalle risultanze investigative patrimoniali eseguite dal Reparto Operativo dei Carabinieri che avrebbero accertato delle presunte illecite accumulazioni patrimoniali. Il sequestro ha riguardato le quote della società “Lido Sogno di Paolo Franco”, un bar, ristorante, pizzeria a Motta San Giovanni; le quote della società “fratelli Franco Group”, cooperativa agricola che si occupa di colture miste viticole, olivicole e frutticole, con sede a Reggio Calabria; l’impresa individuale “Franco Demetrio”, un bar situato lungo la statale 106, a Pellaro, s.s.106; prodotti finanziari riconducibili ai patrimoni aziendali.

cn24tv.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa