Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Brescello sciolto per mafia. Gratteri: ''Presenza sistematica della 'ndrangheta''

Rassegna Stampa

Brescello sciolto per mafia. Gratteri: ''Presenza sistematica della 'ndrangheta''

Il comune di Brescello sciolto per mafia: il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri al Gr3 Radio Rai: “buon lavoro del prefetto di Reggio Emilia”

Nuova Speranza incontro Gratteri e Marcianò Reggio Calabria (26)Il procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, si è espresso al Gr3 Radio Rai su quanto accaduto al comune di Brescello, il paese di Don Camillo e Peppone sciolto per mafia (leggi qui), confermando quanto da sempre sostenuto, ossia la presenza sistematica della ‘ndrangheta in alcune aree dell’Emilia Romagna ed in alcune parti del Piemonte e della Lombardia.

“In alcuni paesi della provincia di Reggio Emilia dei capi mafia ad esempio nel caso di Brescello dei Cutro, si sono spostati lì e hanno costituito cloni di quelli che ci sono in provincia di Crotone, quindi a Cutro, con regole usi e costumi, trapiantati lì e hanno iniziato ad interagire anche con il territorio, con i pubblici amministratori, con imprenditori che hanno ritenuto conveniente rivolgersi ad imprese gestite dalla ‘ndrangheta perché la ‘ndrangheta offre servizi a basso costo, mano d’opera in nero sottopagata, smaltimento dei rifiuti”, così Gratteri al Grd3 Radio Rai, esprimendo, tra l’altro, parole di lode al merito nei confronti del lavoro svolto dal prefetto di Reggio Emilia, e sottolineando il bisogno di riforme normative al codice penale, al codice di procedura penale, all’ordinamento giudiziario: “Bisogna investire ancora di più in istruzione prima che in cultura”, ha aggiunto.
(21 aprile 2016)

strettoweb.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa