Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Il boss cosentino Lamanna ha scelto di pentirsi. Tremano politica e cosche: è già sotto protezione

Rassegna Stampa

Il boss cosentino Lamanna ha scelto di pentirsi. Tremano politica e cosche: è già sotto protezione

lamanna daniele arrestoIl mammasantissima degli zingari portato in una località protetta ed è considerato l'autore del delitto Bruni. Era detenuto al carcere duro
di Michele Inserra
Cosenza. Il carcere duro “aiuta” spesso a riflettere. E per chi non è abituato a sopravvivere giornate intere rinchiuso da solo in quattro mura equivale a una morte. Il mammasantissima degli zingari, l’uomo che ha fatto il bello e cattivo tempo a Cosenza e dintorni, Daniele Lamanna, ha deciso di collaborare con la giustizia. Da qualche giorno Daniele Lamanna è sotto protezione, in una località segreta. La notizia è stata pubblicata sull'edizione cartacea del Quotidiano.

LEGGI LA NOTIZIA DELL'ARRESTO DI LAMANNA E GLI APPROFONDIMENTI

Il pentimento di Franco Bruzzese, datato 26 febbraio scorso e la condanna all’ergastolo di Maurizio Rango potrebbero aver pesato sulla decisione presa da Lamanna di collaborare con la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro. L’autore dell’omicidio di Luca Bruni (avvenuto nel gennaio del 2012) ha “saltato il fosso”, aprendo nuovi scenari investigativi che sono condotti dal pubblico ministero Pierpaolo Bruni e dal Comando Provinciale dei carabinieri di Cosenza, nonché dalla Squadra Mobile della Questura.

Lamanna è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione e, come detto, del delitto di mafia relativo alla scomparsa dell’ultimo boss della dinastia dei “Bella bella”, ammazzato – secondo quanto già affermato da Adolfo Foggetti e Franco Bruzzese – per evitare che la vittima potesse organizzare un nuovo gruppo criminale in contrapposizione con quello degli “zingari” e degli “italiani”, questi ultimi riconducibili alla cosca “Lanzino” e “Cicero”.

Fu fatto fuori la notte del 3 gennaio del 2012, ma il suo corpo venne ritrovato il 17 dicembre del 2014 grazie alle indicazioni di Foggetti. Lamanna, tuttavia, nel momento in cui fu emessa l’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta antimafia denominata “Nuova Famiglia” divenne latitante per quattro mesi e quando gli uomini del vice questore Giuseppe Zanfini lo catturarono a Trenta nel marzo del 2015, in un appartamento in uso ai familiari della moglie, disse al gip di Cosenza Salvatore Carpino di essere estraneo all’uccisione del “suo amico” Luca Bruni verso il quale non aveva alcun rancore, aggiungendo che quel giorno si trovava da tutt’altra parte come avrebbero potuto testimoniare in un eventuale processo cinque testimoni.

ilquotidianoweb.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa