Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ''Indottrinato dalla 'ndrangheta''. Il Tribunale toglie il figlio al boss

Rassegna Stampa

''Indottrinato dalla 'ndrangheta''. Il Tribunale toglie il figlio al boss

carabinieri op contro ndranghetaLa decisione per “spezzare il ciclo che trasmette ai più giovani l’appartenenza ai clan” A Reggio Calabria in quattro anni allontanati 30 minori appartenenti a famiglie mafiose
di Gaetano Mazzuca
Antonio, il nome è di fantasia, ha appena 15 anni. Da mercoledì sera non dorme più nella sua casa in un paesino della Piana di Gioia Tauro. Fino al compimento dei 18 anni vivrà in una struttura comunitaria lontano dalla sua famiglia e dalla Calabria. Lo ha deciso il Tribunale dei minori di Reggio Calabria che ha disposto la decadenza della potestà genitoriale. Il quindicenne, infatti, è figlio di un boss della ‘ndrangheta calabrese. Un personaggio di primo piano nello scacchiere della criminalità organizzata, un capo bastone in grado di condizionare pesantemente ogni attività, non solo economica ma anche amministrativa, nella Piana di Gioia Tauro.

Antonio era praticamente un bambino quando il padre iniziò la latitanza che si è conclusa solo qualche mese fa. Un criminale ricercato per anni, così pericoloso che il suo nome figurava nella lista del ministero dell’Interno. Lo hanno trovato nascosto in un bunker nelle campagne non lontano dal suo paese e adesso si trova in un carcere di massima sicurezza.

Nel frattempo il figlio 15enne è finito all’attenzione della Procura per i minorenni di Reggio Calabria per uno di quei reati definiti «spia», sintomatici di un indottrinamento mafioso. Finire in carcere, nella migliore delle ipotesi, sarebbe stato il «destino ineluttabile» di Antonio. Da qui sono iniziati gli accertamenti degli inquirenti che hanno portato al provvedimento di allontanamento del quindicenne per la «prioritaria esigenza di offrire al minore un modello educativo alternativo, diverso da quello fino al momento proposto dagli stretti familiari, ispirato ai sub-valori della cultura ’ndranghetista».  

Una misura che il Tribunale calabrese, l’unico in Italia, usa ormai da quattro anni e ha riguardato trenta ragazzi nati in famiglie mafiose e che mira a spezzare il ciclo che trasmette di padre in figlio l’appartenenza ai clan.

A eseguire la decisione dei giudici sono stati gli agenti della polizia della Questura di Reggio Calabria guidata da Raffaele Grassi. La mattina del 30 marzo si sono presentati a casa del boss. Un’operazione complessa a cui hanno preso parte anche gli operatori dell’ufficio servizi sociali per i minori del ministero della Giustizia. Tutto si sarebbe svolto senza tensioni. L’adolescente è stato quindi trasferito in una struttura fuori regione dove «sarà affidato – assicurano dalla questura reggina - alle cure e alle attenzioni di operatori professionalmente qualificati a trattare problematiche simili a quelle riscontrate nel giovane».

Ci resterà per i prossimi tre anni, fino a quando compirà di 18 anni, e potrà riprendere il percorso scolastico. Antonio adesso ha l’opportunità di crearsi una nuova vita in cui il carcere o la morte violenta non siano le uniche alternative possibili.

«La speranza – ci dice il questore Grassi – è che adesso il minore abbia la possibilità di scoprire una realtà diversa rispetto a quella in cui è vissuto fino adesso, che abbia occhi nuovi per scorgere gli altri colori del mondo».

lastampa.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa