Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria ''Lombardia e Calabria collegate dalla 'ndrangheta''. Inaugurato l'anno giudiziario del tribunale di Milano

Rassegna Stampa

''Lombardia e Calabria collegate dalla 'ndrangheta''. Inaugurato l'anno giudiziario del tribunale di Milano

Il Procuratore generale di Milano, Roberto Alfonso, ha rivelato: «I mafiosi sono riusciti ad allacciare rapporti con imprenditori, politici e con la pubblica amministrazione»

Milano. "Esiste uno stabile collegamento fra le locali di 'ndrangheta della Calabria e quelle della Lombardia". È quanto ha sottolineato il Procuratore generale di Milano, Roberto Alfonso, nel suo intervento all’apertura del nuovo anno giudiziario, in corso al Tribunale del capoluogo lombardo.

Secondo quanto si legge nel bilancio presentato dal Procuratore della Repubblica lo scorso mese di novembre "le indagini condotte dalla Dda -ha osservato -Alfonso- hanno inoltre dimostrato che alcuni appartenenti all’associazione mafiosa erano riusciti ad allacciare rapporti d’affari e di cointeressenza con il mondo imprenditoriale, con ambienti della politica, con esponenti della pubblica amministrazione". "Si tratta, ovviamente, di rapporti strumentali -ha proseguito Alfonso- che creano situazioni sinallagmatiche estremamente vincolanti ma proficue e che arricchiscono in tal modo il "capitale sociale" dell’organizzazione criminale Le indagini svolte -ha concluso- hanno quasi sempre riscontrato la presenza di figure riconducibili alla cosiddetta "borghesia mafiosa", costituite, come è noto, anche da imprenditori, professionisti, pubblici funzionari e politici".

«Le indagini della Dda di Milano hanno consentito di accertare il definitivo radicamento della 'ndrangheta in Lombardia - ha detto - ma anche di contrastarla efficacemente perseguendo centinaia di persone affiliate. Le indagini svolte hanno quasi sempre riscontrato la presenza di figure riconducibili alla cosiddetta "borghesia mafiosa", costituita, come è noto, anche da imprenditori, professionisti, pubblici funzionari e politici».

ilquotidianoweb.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa