Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Calabria Cafiero De Raho: ''La 'ndrangheta cerca di intimidire perché si sente meno forte''

Rassegna Stampa

Cafiero De Raho: ''La 'ndrangheta cerca di intimidire perché si sente meno forte''

Reggio Calabria. “La ‘ndrangheta reagisce con intimidazioni, anche nei confronti di famigliari dei magistrati, come abbiamo visto con Gratteri, perché sente addosso la pressione dello Stato, attraverso processi, sequestri e arresti. Testimoni e imputati hanno iniziato a collaborare, a rendere dichiarazioni, e dunque a passare dalla parte dello Stato”. Lo ha detto a Voci del Mattino, Radio1 Rai, il Procuratore di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho. “Evidentemente, la ‘ndrangheta – prosegue – si sente in qualche modo assediata da forze compatte nel contrastarla efficacemente e io leggo questi atti come una forma di debolezza, legati al fatto che non riesce più ad ottenere gli stessi risultati di prima. Nel porto di Gioia Tauro viene sequestrata droga per una quantità di oltre 1 tonnellata e mezza all’anno; poi ci sono le demolizioni di edifici abusivi, operazione mai eseguita nella storia giudiziaria di Reggio Calabria; inoltre, è in corso uno studio del territorio per capire in che misura l’ambiente sia stato deturpato e quali sostanze tossiche e radioattive siano state occultate. In definitiva si tratta di un’azione a largo raggio, che mai era stata sviluppata in precedenza. I sindaci della Locride chiedono un maggior controllo del territorio, un territorio molto vasto dove stazionano stabilmente molte forze dell’ordine, intensificando le ricerche dei latitanti ed effettuando un numero enorme di controlli giornalieri”. “Se arriva una lettera dal contenuto minaccioso o si incendia un’automobile o si dà luogo ad altre forme di intimidazione – prosegue Cafiero de Raho – non dipende dal numero dei controlli ma dalla volontà della ‘ndrangheta di far sentire la propria presenza. In certi momenti, come quello che stiamo vivendo, in cui nella provincia di Reggio Calabria lo Stato sembra dare un tangibile segno della propria presenza, è fondamentale per la ‘ndrangheta il richiamo all’ordine di uno Stato parallelo, il proprio, che tende a condizionare i cittadini, a costringerli a piegarsi alla propria volontà. Il momento esatto in cui il cittadino torna a aver fiducia nello Stato, è quello in cui la ‘ndrangheta rischia di più, perché essa vuole che chiunque operi sul territorio, per un lavoro o un appalto, la veda come un principe, al quale bisogna necessariamente dare. E questo non avviene più con la puntualità di prima. Quindi queste intimidazioni io le leggo come forme di pressione con cui la ‘ndrangheta vuole ricordare a tutti, anche agli esponenti delle pubbliche amministrazioni, quali sono i comportamenti da tenere”.

giornaledicalabria.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa